Home Municipi Municipio VIII

Teatro e partecipazione attiva. Il giardino di Via Cesarea

Gli Amici del Teatro sono un gruppo di amici. Questo sembra scontato, ma invece è un punto focale per questo laboratorio teatrale. Il fine ultimo non è diventare attori famosi. Il fine ultimo è crescere insieme nelle capacità relazionali e di ascolto di sé e dell’altro. Nella capacità di percepire le proprie emozioni e saperle esprimere.

Non siamo una compagnia teatrale, ma un gruppo di amici che utilizza il meraviglioso strumento artistico del teatro come mezzo per crescere insieme e tirare fuori, sulla scena, il meglio di noi stessi … e anche il peggio. Grazie agli esercizi di teatro tutti noi Amici siamo cresciuti. Abbiamo imparato a guardarci dentro ed a rappresentare fuori quello che avevamo visto, in modo da trasmetterlo agli altri, al pubblico. Infatti, come ben saprete anche voi, l’esternare i nostri vissuti ci aiuta a conoscerci meglio ed a migliorarci. Poi, come in ogni gruppo di amici che si rispetti, grazie al miglioramento di uno di noi anche gli altri migliorano, in un circolo virtuoso.

Ads

Tutto ciò è evidente, come a noi, anche al nostro pubblico che ci segue affezionatamente agli eventi al parco di via Cesarea. Queste piccole-grandi esperienze di performance pubbliche sono molto importanti per noi! Infatti ci permettono non solo di avere uno scopo più immediato e tangibile su cui lavorare, ma anche di vedere che siamo in grado di trasmettere le nostre emozioni e i nostri vissuti al pubblico di quartiere. Ciò è particolarmente bello per il clima che si crea sfruttando un palcoscenico insolito come questo. Il nostro sipario infatti non sono pompose tende in velluto rosso, ma le fronde degli alberi; il palcoscenico non è un pavimento di legno lucido, ma l’asfalto su cui un attimo prima giocava un bambino con il suo pallone ed il nostro pubblico non è un pubblico pagante in ghingheri con i suoi vestiti e gioielli migliori, ma siete voi, le persone del quartiere, magari in ciabatte, che uscite di casa per prendere una boccata d’aria trovavano invece tante emozioni da togliere il fiato! La prossima potresti esserci anche te!

Giulia Alfani

Amica del Teatro

Previous articleMunicipio XI: sui rifiuti la maggioranza appoggia la linea di Gualtieri
Next articleTorna l’Estate Romana, pubblicati i progetti vincitori