Home Municipi Municipio XI

Parco Ruspoli: Gualtieri e Lanzi per la Cura del Verde a Portuense

Da tempo i cittadini attendono la realizzazione di un parco nei pressi di Largo Ruspoli, ora in campagna elettorale si torna a parlare di questo progetto

PORTUENSE – Il candidato alle primarie del centrosinistra, Roberto Gualtieri, questo pomeriggio ha visitato l’area dove, da anni, dovrebbe sorgere il Parco Ruspoli. Quest’area verde, al momento in abbandono, da tempo è riconosciuta come essenziale in un quadrante dove il verde pubblico è carente. Purtroppo, come ricordato anche dall’ex consigliere municipale e Segretario del Pd, Gianluca Lanzi, l’iter sembra essersi bloccato.

IL PARCO RUSPOLI

Nel progetto originario largo Ruspoli aveva la funzione di porta di accesso a quello che noi da anni chiamiamo Parco Ruspoli, ma che ancora non c’è – ha sottolineato Lanzi – Infatti, i residenti di Portuense attendono da tanti, troppi, anni la realizzazione di un parco pubblico che si dovrebbe estendere da qui fino a via Cruciani Alibrandi e via Crispigni”. L’ex consigliere e candidato alle primarie per il Municipio IX ha poi ricordato gli ultimi passaggi dell’iter amministrativo sul parco: “Nel 2015-16 grazie alle giunte di centrosinistra si era riusciti a fare grandi passi avanti nell’iter amministrativo e nello stanziamento dei fondi necessari. Ma da 5 anni a questa parte, con l’amministrazione Raggi, si è fatto poco o nulla. E il parco ancora non c’è”.

Ads

LA CURA DEL VERDE

L’occasione di questo incontro è anche quella di delineare qualcuna delle idee sul verde che il centro sinistra vorrebbe portare alle prossime elezioni, soprattutto dopo i lunghi mesi di pandemia durante i quali abbiamo riscoperto l’importanza di parchi e aree verdi: “La città deve rinascere attraverso la creazione di spazi pubblici, piazze, giardini, parchi, che possano rendere vivibili e vissuti i nostri quartieri – seguita Lanzi – Per questo uno degli assi portanti del nostro programma di governo sarà quella che abbiamo chiamato la “cura del verde”: un’azione che rigeneri le aree già esistenti e che ne progetti altre, a cominciare dalla realizzazione di questo parco, del secondo tratto del Parco del Tevere a Marconi e del parco sulla collina di Montecucco, che rappresenterà un polmone verde per gli abitanti del Trullo”.

Red

Previous articleRifiuti: dopo la sentenza del Tar dalla Regione arriva la Delibera di Giunta
Next articlePubblicata la gara per 30 nuovi treni a servizio delle metro di Roma