Home Municipi Municipio XI

Stazione Villa Bonelli: il chiosco è ancora in abbandono e il capolinea nel degrado

FdI torna a segnalare l’abbandono dell’area e a chiedere lo spostamento del chiosco chiuso da anni

VILLA BONELLI-MAGLIANA – Nascosto dalla vegetazione incolta, appena fuori dalla stazione ferroviaria di Villa Bonelli, c’è un vecchio chiosco in abbandono lungo il passaggio pedonale che collega il capolinea ATAC di via Guido Miglioli ad un parcheggio. Nell’area il degrado la fa da padrone, tanto che negli ultimi anni ci sono state diverse segnalazioni da parte dei cittadini e dei rappresentati della politica municipale. Nel maggio del 2021 ci fu persino un incendio domato grazie al tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco. A causo di alcune morosità il bene è entrato nelle disponibilità del patrimonio municipale, ma una nuova assegnazione (tramite un bando) sembra tardare ad arrivare.

LE ATTESE PER UN BANDO

La volontà del Municipio non mancherebbe, infatti durante la scorsa campagna elettorale, anche l’attuale Presidente del Municipio XI, Gianluca Lanzi, al nostro giornale aveva sottolineato la necessità di arrivare all’affidamento del chiosco: “Tra le priorità del nostro programma c’è la realizzazione di un bando per l’affidamento della gestione del chiosco, che permetterà il recupero del bene, la creazione di opportunità di lavoro e, soprattutto, garantirà un miglior servizio per la cittadinanza”.

Ads

SPOSTARE IL CHIOSCO

Il consigliere di FdI in Municipio XI è tornato in questi giorni a denunciare lo stato di degrado in cui versa l’area del capolinea ATAC. Per il consigliere infatti un modo per rendere più controllato e quindi meno degradato il capolinea, potrebbe essere la delocalizzazione del chiosco in quest’area. “Se sul capolinea Atac, peraltro in prossimità della fermata FL1 Villa Bonelli (Magliana) insiste un degrado su cui è necessario intervenire per dare dignità e decoro  al luogo, sulla necessità di bonificare e mettere a bando il chiosco è ormai diventato un aspetto strategico sotto diversi profili, non ultimo quello del rischio del danno erariale – e ancora – Sono anni che quel chiosco attira, a seguito delle condizioni di abbandono, senza fissa dimora, sbandati e per chi abita in prossimità e per chi deve raggiungere soprattutto nelle aree buie il vicino parcheggio, rappresenta certamente un pericolo“.

L’ESPOSTO

Da FdI in queste ore è stato anche inviato un esposto indirizzato ad Atac, ad Ama, al Dipartimento tutela ambiente, al Patrimonio, alla Polizia Locale ed al Municipio Roma XI. Lo scopo, proseguono Palma e Borsari, è quello di “avviare una accelerazione su una questione che il Municipio, di maggioranza in maggioranza, si trascina da anni – concludono – Se non dovessimo avere riscontro a breve saremo costretti a verificare se, nel rispetto delle normative vigenti, si possa rappresentare una forma di danno indotto alla vivibilità dell’area e per quello erariale rispetto al mancato utilizzo di un bene che, per morosità di diversa natura. è stato acquisito al Patrimonio Municipale“.

Red

Previous articleInfodemia e fake news dell’antichità
Next articleRoma70: grazie ad un “Patto di collaborazione” si inaugura il Campetto di Piero