Home Notizie Cronaca Roma

Mercato S. Giovanni di Dio: formalizzata la richiesta dei fondi

Il Comune mette nero su bianco la domanda, in attesa della prossima variazione di bilancio

Tratto da Urlo n.189 aprile 2021

MONTEVERDE – Anche se un po’ a rilento sembrerebbe procedere l’iter amministrativo relativo alla realizzazione del nuovo mercato di piazza San Giovanni di Dio. Ricordiamo che a fine dicembre era stato annunciato il vincitore del concorso di progettazione. Il percorso aveva preso avvio a settembre e alla fine del 2020 era stata pubblicata la graduatoria provvisoria, in attesa dell’aggiudicazione definitiva. A inizio 2021 si sono levate alte le polemiche di fronte all’assenza all’interno del bilancio capitolino dei fondi necessari per realizzare il progetto, per l’inserimento dei quali, ci spiegavano dall’amministrazione, si attendeva l’ufficializzazione del vincitore. Oggi l’iter procedurale è andato avanti e, seppur ancora in attesa dell’aggiudicazione definitiva del concorso di progettazione, il dipartimento capitolino competente ha fatto richiesta che le somme necessarie per la realizzazione del mercato vengano inserite nella prossima variazione di bilancio.

Ads

LA RICHIESTA DEI FONDI

A dare la notizia è stato Claudio Cardillo, presidente della Commissione Urbanistica del Municipio XII, che ha informato i cittadini degli sviluppi dell’iter amministrativo: “La competenza (che nelle prime fasi del percorso era dell’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Roma, ndr), passa ora al Dipartimento SIMU (afferente all’Assessorato ai Lavori Pubblici, ndr) il quale ha chiesto all’Amministrazione capitolina di inserire nella prossima variazione di bilancio i 5 milioni di euro per la realizzazione dell’opera. Come presidente della Commissione Urbanistica – ha seguitato – continuerò a monitorare e sollecitare la procedura affinché l’opera venga realizzata”. Ma a che punto sono i passaggi per arrivare all’aggiudicazione definitiva del concorso di progettazione? Lo abbiamo chiesto sempre a Cardillo, il quale, al momento in cui scriviamo, ci ha spiegato che “questo step amministrativo non è stato ancora formalizzato. Si attende il parere dell’Anac”. Intanto però giovedì 8 aprile, “ho sottoposto all’attenzione della Commissione Urbanistica municipale, che presiedo, una mozione da portare in consiglio del Municipio che impegni la Sindaca e gli assessorati capitolini competenti a inserire nella prossima variazione di bilancio i fondi necessari per realizzare il nuovo mercato”.

LE OPPOSIZIONI

Parere favorevole alla proposta di mozione, presentata da Cardillo, è arrivato dal Pd, ci ha spiegato il Capogruppo in Municipio XII, Elio Tomassetti: “Riteniamo che ogni atto che possa smuovere chi di dovere a trovare le risorse per il mercato sia da sostenere. Non possiamo però non sottolineare come questo documento sia specchio di una crepa interna al M5S oltre che ridondante. In Municipio due anni fa è stato votato infatti un atto simile nel quale venivano richiesti, come oggi, i fondi per il mercato. La cosa in più è che ora esiste un progetto. La vera presa in giro però sta nel fatto che il M5S in questi anni ha sempre sostenuto che i soldi per realizzare il mercato fossero presenti, quando non è così”. Sulla questione sono state molto dure anche le parole di Giovanni Picone, Capogruppo municipale della Lega: “A 2 anni dallo stanziamento dei fondi per la gara di progettazione e a 4 mesi dalla scelta del progetto, che ancora non risulterebbe aggiudicato in via definitiva, dal bilancio capitolino sono spariti i fondi per l’intervento di riqualificazione del mercato. La sciatteria amministrativa del M5S è ormai evidente a tutti e noi consiglieri, così come i residenti e gli operatori, ricordiamo bene tutte le promesse fatte in questi 5 anni di malgoverno grillino. Nonostante le rassicurazioni, tra qualche mese terminerà la sciagurata consiliatura Raggi-Crescimanno con un nulla di fatto sul fronte del mercato di piazza San Giovanni di Dio. Una vergogna”.

Anna Paola Tortora

Previous articleVilla Pamphilj: avanti gli interventi di riqualificazione
Next articleVoragini nei parchi, da Garbatella a Parco Scott