Home Rubriche City Tips

Oneri Residence Bravetta: a che punto sono i progetti?

dav

Tratto da Urlo n.185 Dicembre 2020

BRAVETTA – A giugno scorso abbiamo parlato dei primi interventi sul quadrante Bravetta/Pisana da realizzare grazie agli oneri concessori derivanti dall’intervento urbanistico per la riqualificazione dell’ex Residence Roma. Una delibera in passato ha vincolato l’impiego di queste somme sul quadrante che ha subito per anni il degrado dato dalla presenza delle strutture lasciate incomplete del Residence. Al posto degli scheletri, secondo i piani del costruttore, dovrebbe sorgere un complesso residenziale.

Ads

Le demolizioni erano iniziate nel 2016 ma dopo poco il cantiere è stato sequestrato. I lavori non sono più ripartiti e a maggio scorso il Tribunale di Roma ha condannato la costruttrice Barbara Mezzaroma per reati connessi alle operazioni di demolizione (una sentenza per la quale il legale della società già allora ha annunciato l’impugnazione). La riconversione delle palazzine ha subito quindi una nuova battuta di arresto, ma intanto quest’anno sono stati programmati gli interventi da realizzare con i primi 700 mila euro circa disponibili degli oneri.

I piani del Municipio XII inizialmente erano di realizzare con quei fondi una rotatoria tra via della Consolata, via di Bravetta e via Silvestri e attraversamenti pedonali resistenti all’usura sulle strade del quadrante Bravetta/Pisana, realizzati con betonelle (cubetti di materiale cementizio colorato), per una maggiore sicurezza stradale. I due interventi però sono stati scorporati.

Ce ne ha parlato Alessandro Galletti, Assessore municipale alla Mobilità: “Con i fondi saranno finanziati gli attraversamenti pedonali ed eventuali operazioni di riqualifica delle strade che saranno interessate dagli interventi, lì dove dovesse rivelarsi necessario. La progettazione degli attraversamenti è stata affidata al Municipio ed entro la fine del 2020 sarà indetta la gara per l’individuazione del soggetto che li realizzerà. Il prossimo anno invece chiederemo nuovi fondi (dei circa 4 mln rimanenti degli oneri, ndr) per la realizzazione della rotatoria. La progettazione sarà affidata a un professionista esterno per l’individuazione del quale sarà fatta una gara. Una volta che il progetto sarà pronto sarà indetta quella per la realizzazione dell’opera”.

APT

Previous articleMontagnola: allo studio una nuova rotatoria
Next articlePortuense, 16 dicembre 1998: pesa il silenzio del Comune sul crollo in via di Vigna Jacobini