Home Municipi Municipio XII

Scuola Girolami: a settembre l’intera struttura rimarrà chiusa

Non saranno disponibili nemmeno le 13 aule che lo scorso anno avevano riaperto. Il primo blocco della scuola potrebbe tornare operativo a tra maggio e giugno 2021.

SHARE

MONTEVERDE – Si è tenuta ieri, giovedì 6 agosto, una riunione in videoconferenza tra Municipio e la scuola Girolami per fare il punto sulla situazione sulle condizioni del plesso e sulla ripresa delle attività a settembre. Ormai è ufficiale: con l’inizio del nuovo anno scolastico la scuola non riaprirà. A rimanere chiuse saranno anche le 13 aule che, previo interventi di messa in sicurezza effettuati dal Municipio lo scorso anno, erano state dichiarate agibili ed erano state riaperte. Il Municipio è al lavoro per mettere in sicurezza la struttura: i lavori sul primo blocco potrebbero finire già tra maggio e giugno 2021.

IL MUNICIPIO

Sulla questione abbiamo interpellato il Municipio, che ci ha risposto attraverso Valerio Vacchini, Assessore ai Lavori Pubblici che ci ha confermato che il plesso resterà interamente chiuso. Sull’edificio saranno necessari importanti lavori, ci ha detto: “La scuola ha sia problemi statici che sismici”. Quelli che devono essere affrontati quindi sono sia aspetti strutturali che normativi.
Rispetto ai soldi già stanziati dal MIUR (1,5 milioni di cui circa 230mila sono stati versati alla scuola per finanziare il servizio navetta), verranno messi a disposizione altri fondi, ci ha confermato Vacchini: “Avendo oggi un progetto preliminare e una stima dei lavori da effettuare, abbiamo chiesto l’implementazione di queste somme di cui una parte sarà assegnata alla scuola per sopperire alle sue necessità, come l’istituzione della navetta per il prossimo anno”. Intanto il Municipio continuerà a lavorare con il MIUR e con il Genio Civile per cercare di velocizzare i tempi, ha detto Vacchini.
Entro fine agosto sarà affidato l’incarico per la redazione del progetto esecutivo che sarà presentato al Genio Civile per la validazione, ha spiegato Vacchini: “Una volta ottenuta la risposta andremo a indire la gara per i lavori. Prevediamo di porre delle prescrizioni molto stringenti alla ditta affinchè i lavori vengano effettuati in tempi rapidi, come ad esempio l’obbligo di lavorare su più turni”.
Per la riapertura della scuola queste sono le tempistiche ipotizzate dal Municipio: “Contiamo di finire i lavori sul blocco A (quello che era stato già riaperto ndr) per maggio/giugno 2021. Nell’arco dei successivi 2 mesi di completare le opere sul blocco B (altre aule e uffici ndr), dove i lavori quindi dovrebbero terminare entro agosto/settembre 2021. Superato questo step ci concentreremo sul blocco C (uffici e palestra ndr) che dovrebbe quindi seguire le altre riaperture nell’arco dei 6 mesi successivi”. Gli obiettivi che si è prefisso il Municipio, riconosce lo stesso Vacchini, sono ambiziosi e non semplici da raggiungere, ma l’amministrazione, assicura, farà di tutto per riuscirci.
Nel frattempo gli alunni saranno ridistribuiti tra le scuole Sanzio e Gramsci. Il Municipio sta anche valutando la possibilità di reperire spazi presso la Parrocchia Nostra Signora di Coromoto e la Parrocchietta di via del Casaletto: “In merito a queste ultime, cercheremo di collocare tutte le aule che saranno destinate a questi spazi presso una sola struttura”, ha concluso Vacchini.

I GENITORI

A parlare della riunione di ieri, in un lungo post su Facebook,sono stati i genitori che gestiscono la pagina “Riapriamo la Girolami”: “Ieri pomeriggio si è tenuta una riunione in videoconferenza alla presenza della Presidente del Muncipio XII, Silvia Crescimanno, e degli assessori Vacchini, Tomassi, Terribili e D’Eugenio in cui ci è stata verbalmente comunicata la chiusura totale del plesso Girolami. Dopo 15 mesi dal crollo del controsoffitto non solo la scuola non riaprirà, ma anche la parte dichiarata agibile sarà di nuovo chiusa perché tutto l’edificio necessità di lavori statici e di adeguamento sismico”. Al momento però specificano che sarebbe ancora assente una nota ufficiale del Municipio in merito. I genitori chiedono tempistiche certe: “Il Municipio ipotizza la data di maggio 2021 per una prima parziale riapertura del plesso. Abbiamo chiesto a gran voce di avere un cronoprogramma scritto e formalizzato sulle diverse fasi di intervento perché questa previsione ci sembra oltremodo ottimistica, per non dire assolutamente irrealistica, considerando tutti gli step da affrontare: affidamento incarico progettazione esecutiva ad un professionista; esito progettazione e parere favorevole del Genio Civile; bando per affidare i lavori; lavori statici e sismici”. Ci auguriamo, hanno concluso i genitori, “che questa volta la Presidente Crescimanno accolga l’invito a comunicare in modo puntuale e trasparente tutte le fasi di avanzamento di questa triste vicenda che, come abbiamo ormai appreso, è destinata a protrarsi ancora per molti mesi. Noi non molliamo e pretendiamo che le promesse fatte vengano rispettate perché i nostri figli hanno diritto di rientrare al più presto nella loro scuola!”.

Anna Paola Tortora