Home Notizie Cronaca Roma

Come cambierà il Consiglio Comunale dopo il ballottaggio?

ROMA – Sono 48 i seggi da assegnare ai nuovi consiglieri comunali. La loro disposizione però varierà di molto a seconda del candidato che uscirà vincitore dalle urne del ballottaggio del 17-18 ottobre prossimo. In ogni caso risulta evidente la diminuzione dei consiglieri del M5s che, potrebbe portare in Campidoglio 5 o 6 portavoce, rispetto ai 29 di cinque anni fa.

CON LA VITTORIA DI MICHETTI

Se sarà il candidato del centrodestra ad avere la meglio in questo secondo turno la maggioranza (che in totale conta 29 consiglieri più il Sindaco in carica) sarà così delineata:

Ads
  • 17 consiglieri di Fratelli d’Italia (secondo partito per voti nella Capitale)
  • 6 consiglieri per la Lega
  • 3 consiglieri per Forza Italia
  • 2 consiglieri della Lista Michetti
  • 1 consigliere di Rinascimento

I 19 seggi dell’opposizione invece sarebbero così suddivisi:

  • 7 consiglieri della Lista Calenda Sindaco (lo schieramento che ha ottenuto il maggior numero di voti)
  • 6 consiglieri al Partito Democratico
  • 1 consigliere alla Lista Gualtieri
  • 4 consiglieri al Movimento 5 Stelle
  • 1 consigliere alla Lista Raggi

CON LA VITTORIA DI GUALTIERI

Se a primeggiare nel ballottaggio sarà invece in candidato del centrosinistra la maggioranza in Consiglio Comunale sarà così suddivisa:

  • 18 consiglieri al Partito Democratico
  • 5 consiglieri alla Lista Gualtieri
  • 2 consiglieri a Sinistra Civica Ecologista
  • 2 consiglieri a Roma Futura
  • 1 consigliere a Demos
  • 1 consigliere a Europa Verde

Sui banchi dell’opposizione siederanno invece centrodestra, la Lista Calenda e M5s:

  • 6 consiglieri di Fratelli d’Italia
  • 2 consiglieri della Lega
  • 1 consigliere di Forza Italia
  • 6 consiglieri della Lista Calenda Sindaco
  • 3 consiglieri del Movimento 5 Stelle
  • 1 consigliere della Lista Raggi

ANCHE GLI APPOGGI ESTERNI CONTANO

Anche se probabilmente la composizione del Consiglio Comunale non si discosterà troppo dalle due ipotesi appena presentate, sarà comunque necessario attendere i risultati finali per essere certi della conformazione dell’Aula Giulio Cesare. Intanto non mancano le speculazioni su come potrebbe variare la presenza dei consiglieri all’opposizione se la Lista Calenda e il M5s decideranno di appoggiare l’uno o l’altro candidato. Se infatti il M5s dovesse appoggiare Michetti, questo otterrebbe 5 rappresentati in Assemblea, a fronte di 4 con la vittoria di Gualtieri. Stesso discorso per il Leader di Azione, che con il candidato del centrodestra porterebbe in Campidoglio 7 consiglieri rispetto ai 6 che entrerebbero con il centrosinistra vincente.

Red

Previous articleIn Municipio VIII sarà ballottaggio tra Ciaccheri e Scimè
Next articleEUR: cade un ramo, coinvolte due auto