Home Notizie Cronaca Roma

Il Regolamento del Verde arriva in Aula

Nessun ritorno ai Municipi, nonostante le richieste dei cittadini e gli oltre 400 emendamenti al testo

ROMA – Il regolamento del Verde arriva in Aula Giulio Cesare e verrà discusso il 9 marzo. Sono passati ben due anni dall’annuncio di questo testo che avrebbe dovuto rivoluzionare la gestione del verde nella Capitale. In questo lungo periodo il testo redatto dall’allora assessora Pinuccia Montanari, ha subito non poche modifiche. Sono più di 400 gli emendamenti presentati che hanno modificato il documento, che ormai conta 150 pagine e 17 allegati.

IL REGOLAMENTO

Nel regolamento sono inserite le nuove modalità per la gestione del verde. Si tratta di indicazioni sulle potature, e sui rinnovi delle alberature arrivate a fine vita. Una serie di linee guida essenziali per superare le criticità storiche della gestione del verde nella Capitale, così da permettere una vera programmazione degli interventi e non più la logica dell’emergenza.

Ads

UN NUOVO PARERE DEI MUNICIPI?

Diverse associazioni romane e Comitati di Quartiere hanno sottoscritto una nota inviata a i capigruppo capitolini per chiedere che il testo, ampiamente modificato in questi anni, possa tornare al vaglio dei Muncipi per un parere prima che sia l’Aula Giulio Cesare a votarlo: “Riteniamo sia necessario valutare l’opportunità prioritariamente di sottoporre il testo così profondamente modificato, tanto da sembrare un documento «nuovo», alla valutazione ex novo dei Municipi, in virtù del Regolamento del Decentramento Amministrativo – si legge nella nota delle Associazioni – Inoltre suggeriamo che venga proseguito l’iter fornendo per tempo tutta la documentazione necessaria e formalizzata, compresa di proposta di deliberazione, pareri, controdeduzioni, e allegati, dando modo, non solo alla Commissione capitolina preposta, ma anche ai cittadini, di verificare, e approfondire il teso e formulare eventuali emendamenti”.

MC

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 1.175 i nuovi positivi, il rapporto con i tamponi è al 10%
Next articleGarbatella: ennesimo furto alla Scuola Alonsi