Home Notizie Cronaca Roma

La Valle Galeria torna in piazza, la protesta arriva in Campidoglio

L’appuntamento lanciato dai cittadini è per il 30 novembre in piazza del Campidoglio: “La Valle Galeria non rimane in silenzio”

SHARE

ROMA – Prosegue la protesta dei cittadini della Valle Galeria, da decenni vessati da impianti inquinanti e discariche. È in questa zona Malagrotta, la più grande discarica d’Europa, mentre a monte Carnevale (circa 2 Km in linea d’aria) c’è il sito scelto per la nuova discarica a servizio della Capitale. La protesta che in questi mesi non si è mai fermata, proseguirà nella mattina di lunedì 30 novembre, a partire dalle ore 9.00 in piazza del Campidoglio per una manifestazione per la riqualificazione della Valle promossa dal Comitato Giovani della Valle Galeria.

LA MANIFESTAZIONE AL CAMPIDOGLIO

Questo il comunicato del Comitato Valle Galeria Libera che, in sostegno della manifestazione organizzata dai Giovani della Valle invita i cittadini alla protesta: “Il nostro è un territorio fortemente inquinato e fragile, necessita di salvaguardia e non di ulteriore distruzione e inquinamento come avviene da decenni. Vogliamo più rispetto per l’ambiente e per la salute dei cittadini – affermano dal Comitato – Basta costruire discariche, basta impianti inquinanti che aggravano la situazione invece di migliorarla. Abbiamo bisogno di una riqualificazione. La stiamo chiedendo da anni. L’inquinamento ci sta uccidendo. La Valle Galeria sta subendo un maltrattamento da 50 anni. Noi diciamo basta. I cittadini non meritano tutto questo. Perché distruggere così un territorio e la vita dei suoi cittadini?”.

SOLO LA PRIMA DI UNA LUNGA SERIE DI PROTESTE

Naturalmente l’appuntamento di lunedì 30 novembre sarà solo il primo di una serie: “La Valle Galeria non rimane in silenzio. La manifestazione del 30 al Campidoglio è solo la prima, vogliamo farci sentire in tutte le sedi opportune, quindi ci saranno altre giornate in Regione, al Ministero dell’Ambiente – continuano – Ci devono ascoltare e la situazione deve cambiare”.

LeMa