Home Rubriche City Tips

RecuperaRoma: il progetto che combatte lo spreco alimentare nei mercati rionali

Dopo Milano, Recup arriva a Roma: lunedì 16 gennaio 2023 verrà presentato il progetto in Campidoglio

ROMA – “Il cibo che ha perso valore economico, acquista valore sociale, questo lo slogan dell’iniziativa “RecuperaRoma” che verrà presentata lunedì 16 gennaio 2023 presso la Sala del Carroccio in Campidoglio, nella fascia oraria 17-19.

Si tratta di un evento dal forte impatto sociale, il cui obiettivo è quello di ridurre lo spreco alimentare nei mercati salvando il cibo dalla spazzatura, donandogli così una seconda vita.

Ads

Sono stati invitati a partecipare i presidenti e gli amministratori municipali di competenza, mentre interverranno sulla questione gli operatori e i protagonisti del settore. Ad aprire l’evento, invece, troveremo la Consigliera di Roma Capitale Antonella Melito, nonché colei che ha ideato e dato forma al progetto.

COME NASCE L’IDEA

Nel 2016 viene creata a Milano l’Associazione a Promozione Sociale (RECUP), composta da volontari di diversa estrazione sociale, con lo scopo di combattere lo spreco alimentare all’interno dei mercati rionali e, al contempo, l’esclusione sociale. Il meccanismo è il seguente: si recupera il cibo prima che venga buttato via, lo si divide in commestibile e non, lo si pesa e, infine, lo si redistribuisce a chiunque voglia usufruirne. I beneficiari sono gli stessi esecutori del lavoro; in questo modo si viene a creare un concetto di comunità e collaborazione tra persone differenti, un contatto interculturale e intergenerazionale che prima mancava. A marzo 2021 il progetto Recup approda anche a Roma, dando così vita a “RecuperaRoma”.

IL PROGETTO

“Si tratta di un’importante occasione attraverso la quale, ciascuno di noi, può dar vita nel proprio territorio ad una grande mobilitazione di lotta contro gli sprechi alimentari, per il riuso sociale delle eccedenze in favore dei più bisognosi”, queste le parole della Consigliera Comunale Antonella Melito riguardo al progetto. Ad oggi, il bilancio del Recup Capitolino, è alquanto positivo: in un anno sono stati recuperati 30 mila kg di frutta e verdura, che sono stati poi destinati a ben 44 mila famiglie indigenti. Numerosi gli obiettivi in programma, primo fra tutti quello di creare almeno un punto Recup in ogni Municipio della Capitale, in modo tale che ogni quartiere possa gestire il proprio mercato e soddisfare così i propri abitanti. Non deve essere però un progetto a senso unico, bensì bisogna far in modo che a parteciparvi siano tutti i quartieri, così che diventino nodi di una rete cittadina solidale. Altri obiettivi sono quello di creare un percorso di educazione alimentare per i cittadini e per le scuole (con formazione direttamente sui mercati), dar vita a laboratori per bambini con il fine di creare colori a partire dagli scarti alimentari e poi ancora incontri, eventi artistici e gastronomici, aperitivi e giochi. Questo progetto funziona nel piccolo, nella quotidianità. Le piccole cose, però, sono anche le più concrete, quelle che fanno bene al cuore nell’immediato.

Annalisa Ciutti

Previous articleFonte Laurentina: per il prossimo anno scolastico si apre la Scuola dell’Infanzia di via Conversi
Next articleCovid-19: nelle ultime 24 ore sono 986 i nuovi positivi