Home Notizie Cronaca Roma

Roma: passo indietro sui 62 nuovi bus a metano, in realtà sono diesel

Fioccano le critiche dopo l’errore di comunicazione dell’amministrazione 5Stelle. Assessore Calabrese: “La propaganda anti-Raggi è sempre in agguato”

ROMA – L’annuncio e la smentita non sono di certo passati inosservati. È stata infatti la Sindaca Raggi (o chi si occupa della sua comunicazione) ad annunciare la messa in strada di 62 nuovi bus per il trasporto pubblico romano, parlando però di mezzi alimentati a metano. Dalla delibera però risulta ben chiaro che la motorizzazione di questi bus che entreranno nella flotta di Atac è diesel. Un errore di comunicazione che è stato immediatamente sottolineato dalle varie forze di opposizione in Campidoglio.

CRITICHE DALL’OPPOSIZIONE

Dal Pd è il capogruppo capitolino, Antongiulio Pelonzi, in un tweet a commentare: “Errore di comunicazione o bugia elettorale? Difficile rispondere visto che sono 5 anni che questa giunta getta fumo negli occhi dei romani“. Il consigliere di Fdi, Francesco Figliomeni ha invece sottolineato in una nota: “Per cinque anni abbiamo assistito alla solita propaganda a favore dell’ambiente, alla lotta contro il diesel e poi, come risultato concreto, ci ritroviamo 62 mezzi diesel e non a metano come la comunicazione penta-stellata e la sindaca hanno affermato. Anche questa volta l’approssimazione della Giunta Raggi ha comportato un costo per la città, ben 27 milioni di euro, cifra necessari a finanziare l’acquisto di questi mezzi“. Anche dal carroccio arriva la stoccata all’amministrazione su questo errore di comunicazione: “Una pessima figura e un danno di immagine alla città se consideriamo che la Raggi, mettendosi in competizione con altre grandi capitali, aveva promesso lo stop a diesel nel centro di Roma dal 2024 e a quanto pare la flotta a disposizione della sindaca non sembra in linea con l’obiettivo prefissato”, ha commentato il consigliere leghista Davide Bordoni.

Ads

LA REPLICA DEL CAMPIDOGLIO

Dal Campidoglio la replica alle stoccate delle opposizioni è stata affidata all’assessore alla Mobilità Pietro Calabrese che, dopo aver ammesso l’errore, parla di quella che secondo lui dovrebbe essere la vera notizia: “Virginia Raggi ha messo su strada 750 nuovi bus ed entro l’anno Roma ne avrà oltre 900. Eppure la propaganda anti-Raggi è sempre in agguato – e ancora – Si arriva, addirittura, a sprecare fiumi di inchiostro sulla motorizzazione di 62 mezzi, ma non si capisce perché non viene spesa una parola sul grande lavoro fatto, su quanti bus portiamo a Roma entro l’anno: in un solo mandato abbiamo rinnovato oltre la metà della flotta Atac, grazie a investimenti che la Capitale non vedeva da 20 anni’‘.

Red

Previous articleEx Forte Portuense: la valorizzazione dell’immobile nelle mani dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
Next articleIn Municipio VIII tornano le strisce Rainbow