Home Notizie Cronaca Roma

Roma e Lazio da domenica in zona arancione

Primo cambio di colore per la Regione dove l’indice Rt è di poco sopra a 1

SHARE

LAZIO – Ormai è ufficiale. Roma e il Lazio a partire da domenica 17 gennaio passeranno in zona arancione. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, è pronto a firmare la nuova ordinanza. Nella nostra regione l’indice Rt è superiore a 1, anche il Lazio per la prima volta quindi (in base alle nuove norme che determinano il passaggio da una zona all’altra) cambierà di colore, andando incontro a un periodo di misure più rigide e restrittive volte al contenimento della diffusione del Covid-19.

LA REGIONE

Ha parlato dell’imminente cambio di colore della Regione l’Assessore alla Sanità del Lazio Alessio Amato che, come riportato dall’Ansa, durante la presentazione del nuovo direttore generale del policlinico Umberto I di Roma Fabrizio d’Alba, ha detto: “Da domenica il Lazio entrerà in zona arancione”. Il valore dell’indice Rt infatti, ha spiegato è “di poco sopra 1. Questo è un cambio che giunge per la prima volta a livello regionale, visto che siamo stati sempre in fascia gialla e significa – spiega l’Assessore – che è una situazione di grande cautela e quindi bisogna mantenere gli elementi di rigore ed essere molto determinati nella campagna vaccinale. La pandemia ha ripreso vigore in tutta Europa, in Italia e nella nostra regione”.

IL RESTO D’ITALIA

Per quanto riguarda il resto d’Italia, sempre come riportato dall’Ansa, saranno classificate in area rossa la provincia autonoma di Bolzano, e le regioni Lombardia e Sicilia. Secondo i dati a disposizione poi, seguita l’agenzia di stampa, il Ministro della Salute Roberto Speranza firmerà nelle prossime ore la nuova ordinanza che sarà in vigore da domenica 17 gennaio. Saranno nove le regioni a passare in zona arancione, oltre al Lazio cambieranno colore Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta. Rimarranno in area arancione le Regioni già classificate con questo colore Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

Red