Home Rubriche Benessere Olistico

Fibromialgia cos’è, sintomi e cause

Questa sindrome caratterizzata da dolori muscolari e articolari, rigidità nei movimenti, affaticamento, dolori localizzati e allo stesso tempo mutevoli su tutto il corpo.

Andremo a valutare questa patologia con la visione olistica e psicosomatica, la fibromialgia può rappresentare: non essere compresi; essere propensi al sacrificio; di non essere all’altezza; sentirsi colpevoli verso persone care; forte stress emotivo. Sono caratteristiche che vanno analizzate attentamente e operare con tecniche come: confronto mirato corrente, kinesiologia, rilassamento e meditazione, forza di volontà nel volere risolvere le situazioni che ci circondano.

Personalmente ho sofferto di questa patologia ed è stata anche invalidante per un periodo, dove la fatica e i dolori mi impedivano agevolezza nella vita quotidiana. Dopo svariati esami e alcune cure mediche, ho preso la forza di guardarmi e comprendere le reali cause interiori, con sforzo emotivo, attività motoria e alimentazione più appropriata, sono riuscito a rimettermi in sesto.

Ads

La fibromialgia ha necessità di essere curata e di apportare molta attenzione, proprio perché può essere caratterizzata anche dalla trascuratezza della propria salute, lasciando andare i segnali che ci vengono inviati dal nostro corpo e favorire i “doveri” che ci sentiamo oppressivi verso l’esterno e spesso autoimposti.

Questa patologia la potremmo definire come una “depressione muscolare”, come se qualcosa di impercettibile ci rinchiude in una sorta di morsa, come se i muscoli fossero compressi e provocano dolori ad ogni movimento, come se fossero azioni forzate da doveri o controvoglia, essendo situazioni le quali ci privano di energia vitale, è necessario contrastare queste condizioni con una presa di coscienza e risolverle emotivamente.

Per poter andare incontro a un miglioramento è necessario prendere consapevolezza dei propri atteggiamenti, comprendendo quali sono le proprie sofferenze interiori ed emotive, andando ad agire verso i propri desideri, questo per rilasciare le tensioni emotive e di conseguenza le tensioni dovute ai nostri muscoli.

Inoltre, è importante andare ad approfondire la parte muscolare, che è più coinvolta nel dolore e rigidità, prendiamo ad esempio i muscoli delle gambe, le quali rappresentano la capacità di andare avanti, quindi potremmo chiederci per comprendere meglio:

  • Quali sono i doveri che mi impediscono di andare avanti?
  • Quale emozione mi tiene fermo in questa responsabilità?
  • Cos’è che mi stringe e impedisce di proseguire?

Sono domande che possono aiutare ad approfondire questi sentimenti i quali possono legarsi a questo malessere.

Oltre ad un percorso di coaching olistico per operare a livello emozionale ed energetico, è utile seguire il parere del medico, nutrizionista e fisiatra per poter apprendere ulteriori rimedi specifici.

Ciò che credo importante, che per ogni patologia è valido fare vari percorsi differenziati, perché noi siamo un insieme di tanti elementi psicofisici, in questa patologia è maggiormente adeguato seguire vari metodi, proprio per una mia esperienza vissuta personalmente.

Per poter approfondire questa o altre tematiche, sono a disposizione per una prima consulenza gratuita, telefonando al 3407204152

Seguimi attraverso il mio blog www.facilitatoreemozionale.it

Previous articleCovid-19: nel Lazio casi ancora in calo, nelle ultime 24 ore sono 633
Next articleCoppa Primavera: dal 15 maggio al 13 giugno Ginnastica Roma festeggia 130 anni