Home Cultura Cinema

The Lobster

SHARE
cinema 129 - lobster

Una società in cui non è concepita vita all’infuori del rapporto di coppia

Vincitore del Premio della Giuria nell’ultima edizione del Festival di Cannes, “The Lobster” descrive con una tetra vena umoristica una società in cui non è concepita vita all’infuori del rapporto di coppia. Cerchiamo di esser chiari: Yorgos Lanthimos, promettente regista greco giunto al suo quinto lavoro, non sembra essere uno di quelli che a tavola o in birreria ti spara battute a raffica fino a provocarti lancinanti dolori addominali. Al contrario (restiamo in attesa di un invito a cena per essere smentiti) il nostro amico greco sventola davanti al suo pubblico l’orgogliosa bandiera dell’humor nero e raffinato. La sua nobile aragosta (questo il significato del termine “lobster”) pizzica la sensibilità dello spettatore facendolo sussultare per una trama straordinariamente originale, raccontata con surreale distacco e una maniacale cura nei dettagli. Alla maniera di chi, in una piovosa serata di metà settimana, esce all’improvviso dal suo mutismo e mette in fila quelle dieci parole che ti cambiano la settimana.

Regia: Yorgos Lanthimos
Sceneggiatura: Efthymis Filippou, Yorgos Lanthimos
Interpreti: Colin Farrell, Rachel Weisz, Jessica Barden, Olivia Colman, Ashley Jensen, Ariane Labed, John C. Reilly, Lèa Seydoux

(GRE, GB, IRL, OLA, FRA 2015)

Simone Dell’Unto