Home Municipi Municipio IX

Rifiuti: l’Aula Giulio Cesare sconfessa la posizione del Municipio IX

SHARE
conscomundisca

Voto negativo del Consiglio Comunale sulle mozioni contro l’indicazione della discarica a Falcognana

 

I CITTADINI – “State speculando sulla nostra salute. Vergogna!”, “Condannati a morte”, “Noi facciamo il porta a porta, a Sottile non importa”, “No al Divino Amore pattumiera di Roma”, “Associazione le mamme in piazza per difendere i loro diritti”, e ancora “Falcognana non se tocca la monnezza a ve la mettiamo in bocca” e “Difendiamo la nostra salute”. Questi i toni degli slogan e degli striscioni dei cittadini che, dal presidio all’ingresso del sito indicato dal Prefetto si sono spostati in piazza del Campidoglio. In molti si sono radunati ieri per assistere all’importante seduta del Consiglio Comunale e per ribadire il secco ‘no’ dei cittadini, dei comitati e delle associazioni del Municipio IX alla discarica su via Ardeatina in zona Falcognana.

LA VOTAZIONE – sulle mozioni contro l’indicazione della discarica in zona Falcognana nel Municipio IX, ha dato esito negativo. Il consiglio comunale ha respinto tutte e tre le mozioni presentate dai consiglieri del Pdl, del Movimento cinque stelle e dalla lista Marchini. In aula è intervenuto anche il Presidente del Municipio, Andrea Santoro, che ha chiesto responsabilità da parte del consiglio comunale su questa vicenda: “Il Prefetto Sottile avrebbe dovuto avere il coraggio di confrontarsi con cittadini e istituzioni nonostante i tempi stretti. Se questo tema diventa uno strascico di campagna elettorale chi ci rimette sono i cittadini del nostro Municipio. Chiedo all’assemblea capitolina di affrontare questa vicenda con il massimo della responsabilità, e che si affronti questa vicenda come in un paese normale. Oggi finalmente sono stato convocato dall’assessore Marino per domani, finalmente il municipio conoscerà questa relazione, poi mi confronterò con la mia comunità e investirò gli uffici tecnici del municipio di fare le dovute analisi e proveremo a prendere una decisione, noi ci proveremo e spero che questa assemblea possa fare lo stesso”.

LA REAZIONE – da parte dell’opposizione municipale è forte e chiara: “Il nostro Municipio ha già deciso con un documento condiviso e votato all’Unanimità, anche dal Presidente Santoro. la Regione lo ha bocciato, così come ha fatto l’Assemblea capitolina. Siamo rimasti stupiti che il presidente Santoro abbia detto dateci le carte noi le esamineremo” ha affermato il consigliere PdL al Municipio IX, Massimiliano De Juliis. “Il voto contrario alla mozione scritta e votata dal Presidente Santoro e presentata oggi in Assemblea capitolina segna ed evidenzia la totale sfiducia personale, politica ed istituzionale del Sindaco Marino e della sua maggioranza nei confronti del minisindaco esponente PD – così in una nota Paolo Pollak, capogruppo PDL del Municipio IX – Al Presidente del Municipio IX snobbato in queste settimane sia da Marino che dal Presidente Zingaretti non rimane altro che rimettere nelle mani del Sindaco la fascia da minisindaco, un gesto coraggioso ma che davvero lo consacrerebbe Presidente di tutti aldilà degli schieramenti”. In una nota congiunta Amedeo Zamparelli e Laura Pasetti, FDI al Municipio IX, hanno definito ‘calpestata’ la dignità dei cittadini: “Oggi è stata calpestata la dignità dei cittadini da parte della Maggioranza di centro sinistra che boccia il decreto per dire NO alla discarica e da parte del Sindaco Marino che, pur essendo in Aula, non spende nemmeno una parola su questa questione; ugualmente il minisindaco. Intanto a Falcognana l’atmosfera è esplosiva, e non si escludono prese di posizione importanti. Vergogna!”.

L’EX SINDACO – Gianni Alemanno, nel suo intervento in Aula ritorna ad una vecchia idea oramai dismessa: realizzare la discarica ad Allumiere. Il sito vicino Civitavecchia, secondo l’ex sindaco rappresenta un’area: “lontana dai centri abitati, servita dalla ferrovia che lo collega a Roma e di proprietà del ministero della difesa”, il sito era stato già oggetto di un accordo con l’allora Ministro La Russa, intesa poi naufragata. In risposta alle affermazioni di Gianni Alemanno, proponiamo il comunicato stampa del Comitato Rifiuti Zero Fiumicino, che ripercorre le tappe degli endorsement ai vari siti papabili: “Al Consiglio Comunale di Roma tenutosi oggi, 1 Agosto, sulla questione dei rifiuti, abbiamo sentito il Consigliere Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma, grande esperto del ‘discaricabarile’, responsabile assieme ad altri dell’attuale condizione emergenziale, proporre con il solo intento di alimentare la polemica politica e lo scontro fra poveri, soluzioni e siti ipotetici già precedentemente valutati e scartati: Allumiere o Pizzo del Prete per il sito definitivo, Bracciano e Colleferro come siti temporanei – seguita la nota – Vogliamo ricordare a questo consigliere comunale del comune a noi limitrofo che per quanto riguarda Pizzo del Prete ci sono due atti di governo, una delibera del Comune di Fiumicino del 27/04/2012 ed una mozione unitaria del Consiglio Regionale del 12/06/2012, (al tempo entrambe amministrazioni di Centro Destra), che ne sanciscono l’inidoneità. Pensiamo che noi cittadini dobbiamo guardarci da chi negli ultimi anni, ai vari livelli istituzionali, ci ha governato: chi oggi si spertica in difesa di Falcognana ieri lo faceva per Pizzo del Prete, chi difendeva Pizzo del Prete buttava la croce ad Albano o Colleferro. L’unico fatto certo è che chi poteva fare non ha fatto nulla!”.

COMMISSIONE AMBIENTE – La seduta della Commissione Ambiente del Municipio IX, convocata per ieri mattina, non ha purtroppo visto la presenza degli esponenti politici e dei tecnici convocati. Lo ha spiegato il consigliere PD al Municipio IX, Alessandro Lepidini: “In commissione ambiente avevamo invitato il Prefetto Sottile, e l’Assesorato all’Ambiente del Comune di Roma e della Regione Lazio, richiedendo anche di presentare la documentazione su questa scelta. Purtroppo non si è presentato nessuno, né abbiamo ricevuto alcun documento – seguita Lepidini elencando le prossime azioni in programma – Faremo un’accesso agli atti specifico sulla relazione del Prefetto Sottile e su tutti gli atti presupposti. Faremo un atto di censura nei confronti del comportamento delle istituzioni che non si sono presentate dopo le nostre richieste di audizione e, nel mentre, chiederemo all’Ufficio Tecnico del Municipio di valutare quali possono essere i rischi ambientale e geologici della nuova discarica”.

NUOVE MANIFESTAZIONI – I cittadini e i Comitati non hanno intenzione di cedere. Ieri sera hanno nuovamente bloccato via Ardeatina e stanno promuovendo una nuova manifestazione per questa sera alle 18.00. Partendo dal sito della Ecofer arriveranno in corteo fino al Santuario del Divino Amore, per manifestare il loro dissenso nei confronti di questa scelta e contro il risultato delle votazioni in Consiglio Comunale.

Leonardo Mancini