Home Rubriche City Tips

Via C. Colombo: proseguono i lavori sulla ciclabile

Gli interventi arriveranno fino alla Laurentina. Fanno parte di un progetto deciso dai cittadini e finanziato con gli oneri delle edificazioni di piazza dei Navigatori

SHARE

CRISTOFORO COLOMBO – Proseguono gli interventi partiti nel mese di ottobre per il rifacimento della pista ciclabile lungo via Cristoforo Colombo nel territorio del Municipio VIII. Quello nel tratto tra gli archi delle Terme di Caracalla e via Laurentina è un intervento molto atteso, inserito tra i 18 progetti decisi dai cittadini attraverso l’iniziativa online #RomaDecide, per l’utilizzo degli oneri derivanti dalle edificazioni di piazza dei Navigatori. “Il nostro obiettivo – ha commentato la Sindaca Raggi in un post su Facebook – è fornire ai cittadini una reale alternativa, innovativa e sostenibile, per spostarsi a Roma rinunciando alla propria auto privata”.

GLI INTERVENTI

Al momento gli interventi, così come sottolineato dall’assessora capitolina ai Lavori Pubblici, Linda Meleo, hanno già coperto il tratto dagli archi sulla Colombo fino alla Regione Lazio. “L’asfalto applicato è di tipo drenante, migliore in condizioni di pioggia – spiega Meleo – Stiamo poi portando avanti poi la rimozione della vegetazione in prossimità della pista e la manutenzione dei marciapiedi, anche con l’installazione dei parapedonali dove necessari”. La Sindaca ha poi sottolineato che “il Dipartimento Lavori Pubblici seguirà le operazioni passo dopo passo fino al completamento dell’intervento”.

LA CICLABILITÀ INTERROTTA

Una riqualificazione molto attesa, che sicuramente renderà più facile percorrere questo tratto di ciclabile. Purtroppo l’intervento arriva in un momento molto critico per la ciclabilità della zona, vista l’interruzione del collegamento sulla via Laurentina tra il Municipio VIII e il IX in corrispondenza dell’Eur. Non si conoscono ancora i tempi e i modi con cui si potrà ripristinare il ponticello ciclo-pedonale che attraversa la Laurentina, abbattuto da un mezzo pesante in manovra l’8 ottobre scorso.

LeMa