Home Municipi Municipio XI

Furto nel Nido di via degli Irlandesi, rubate le monete della macchinetta del caffè

L’effrazione ai danni della struttura scolastica del quartiere Portuense è avvenuta la scorsa notte

PORTUENSE – Nella notte si è consumato l’ennesimo furto ai danni di una struttura scolastica del Municipio XI. Questa volta a diventare l’obiettivo dei ladri è il Nido di via degli Irlandesi in zona Portuense.

IL FURTO IN VIA DEGLI IRLANDESI

I ladri nella notte tra l’11 e il 12 aprile, sono riusciti a penetrare nell’edificio con l’effrazione della porta delle cucine. L’obiettivo del raid è stata una macchinetta distributrice di caffè. Questa è stata manomessa e forzata per rubare il denaro contenuto.

Ads

GLI ULTIMI FURTI NELLE SCUOLE E NEI NIDI

Non è la prima volta che le strutture scolastiche del Municipio XI vengono prese di mira da ladri e vandali. Dopo i fatti della scorsa estate, l’incendio delle aule del nido ‘Malaguzzi’ e della scuola dell’infanzia “La Torta in cielo”, lo stesso plesso è stato preso nuovamente di mira nella notte del 21 marzo scorso. Infatti in quella data alcuni individui si sono introdotti nella scuola primaria ‘Perlasca’ dell’Istituto Comprensivo “Gramsci” e nella scuola dell’infanzia “La Torta in cielo”, per rubare alcuni computer.

LE RICHIESTE DI INTERVENTO

Non sono mancate le prese di posizioni nei confronti di questo nuovo furto: “Dopo il caso della scuola la ‘Torta in Cielo’ a Montecucco, recentemente finita vittima dei ladri, anche qui assistiamo inermi a questi fenomeni criminogeni che ledono la percezione di sicurezza delle famiglie che frequentano la scuola e dei cittadini – hanno commentato Fabrizio Santori e Monica Picca, del direttivo Lega Roma, e Daniele Catalano già Capogruppo Lega Municipio XI – Non capiamo perché l’Amministrazione non si attivi subito con la Regione per installare sistemi di video sorveglianza in tutte le scuole di Roma, visto che con il coprifuoco sono aumentati esponenzialmente i furti”.

Red

Previous articleEUR: in arrivo la Formula E, tutte le informazioni sulla mobilità
Next articleSentiero Trilussa: finalmente arriva il riconoscimento