Home Municipi Municipio XII

Ancora polemiche sui lavori a Piazza Scotti

Provocatoria l’iniziativa del Pd che “festeggia” i 300 giorni di cantiere

MONTEVERDE – Nuova ondata di protesta per i lavori per il restyling di Piazza Scotti. Questa volta a lanciare un’iniziativa provocatoria sono stati gli esponenti del Pd del Municipio XII che si sono presentati sul luogo stringendo tra le mani tre candeline a formare il numero 300, sottolineando: “Piazza Scotti ‘festeggia’ i 300 giorni di cantiere”. Poche ore prima la presidente del Municipio Silvia Crescimanno aveva diffuso alcuni aggiornamenti sullo stato delle opere, che anche se a rilento, stanno procedendo.

I LAVORI

Dopo la chiusura dell’intera piazza per il rifacimento dell’asfalto, alla quale sono seguite per forza di cose una serie di modifiche alla viabilità fortemente criticate nel quadrante, sono stati completati due dei tre attraversamenti pedonali con le betonelle e il terzo, quello in via Giovanni de Calvi, “dovrebbe essere concluso questa settimana, sperando nelle condizioni meteo favorevoli”, ha fatto sapere la Crescimanno martedì scorso. Sempre questa settimana previsto l’inizio del posizionamento della segnaletica stradale, si prevede quindi, ha proseguito la minisindaca che “la viabilità dell’intera piazza sarà ripristinata entro lunedi 17 maggio”, sempre meteo permettendo. Per quanto riguarda lo square centrale “i parapedonali (che circonderanno la piazza ndr) verranno installati la prossima settimana”. Sono stati poi piantumati 14 ciliegi e si procederà con la riqualificazione delle aiuole, ci ha detto Alessandro Galletti, Assessore alla Mobilità e all’Ambiente del Municipio XII, che ha poi aggiunto che “l’iter per l’appalto per dotare la piazza di panchine intelligenti è partito” ma, ha detto Galletti, l’intenzione del Municipio in attesa di completare i lavori e di installare panchine, telecamere di videosorveglianza e giochi per i bambini, è di riaprire comunque la piazza alla cittadinanza una volta installate le barriere parapedonali.

Ads

LA PROVOCAZIONE

Gli aggiornamenti però non sono stati sufficienti a placare la polemica che si è levata alta ancora una volta. In questo caso a sottolineare il ritardo che si sta verificando è stato il Pd. Ricordiamo che il cantiere ha preso avvio a fine luglio 2020 e che inizialmente sembrava che entro novembre le opere sarebbero state concluse. Ne abbiamo parlato con Lorenzo Marinone, consigliere del Municipio XII, che ha partecipato alla provocatoria iniziativa che si è svolta sempre martedì a Piazza Scotti: “300 Giorni di lavori, viabilità bloccata, cantiere in alto mare e i negozi abbassano le serrande”, ha detto il politico, che ha poi posto l’accento anche sui disagi per il traffico derivanti dall’intervento: “Da via del Casaletto alla Gianicolense il tempo stimato è di 15 minuti con la macchina, con i mezzi pubblici nemmeno a parlarne. La Giunta Crescimanno è riuscita in un’impresa storica, bloccare la mobilità nell’intero quartiere”.

APT

 

Previous articleI migliori libri di Massimo Bontempelli
Next articleCovid: nel Lazio oggi superati i mille positivi, il rapporto con i tamponi è al 5%