Home Notizie Cronaca Roma

Crescono i visitatori nei musei e nelle aree archeologiche romane

Dati in crescita negli ultimi 10 giorni di aprile e nella prima domenica gratuita di maggio

ROMA – Grande affluenza di visitatori nella prima domenica gratuita di maggio. Infatti con la fine dello stato di emergenza sono ricominciate le domeniche al museo, la promozione del Ministero della Cultura che prevede l’ingresso gratuito nei musei e nei luoghi della cultura statali ogni prima domenica del mese. Introdotte dal ministro Franceschini nel luglio 2014, le domeniche gratuite erano state interrotte con l’emergenza sanitaria e sono ripartite nel mese di aprile.

GRANDE AFFLUENZA IN TUTTA ITALIA

I dati di affluenza dei visitatori dell’edizione speciale di domenica primo maggio sono significativi perché, per la prima volta, in molti musei si torna a numeri pre-Covid. È la conferma della voglia degli italiani di tornare a riscoprire la bellezza e a vivere il proprio patrimonio culturale, anche quello meno conosciuto“, commenta il ministro della Cultura, Dario Franceschini. Il primo posto per numero di visitatori in questa prima domenica di maggio se lo aggiudicano le Gallerie degli Uffizi (23.594 presenze). Seguite dal Parco archeologico di Pompei (21.995) e dal Palazzo Reale di Napoli (6.610 visitatori). Per la Capitale è il Parco archeologico di Ostia antica con 3.855 visitatori ad aggiudicarsi il nono posto, seguito al decimo dalla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma (3.209 presenze).

Ads

IN CRESCITA LE VISITE NEI MUSEI ROMANI

Una crescita che è riscontrabile anche per le visite a siti e musei durante i normali giorni di apertura. Infatti a Roma si registrano dati interessanti anche per i musei e le aree archeologiche capitoline negli ultimi 10 giorni di aprile. È infatti l’Assessore alla Cultura, Miguel Gotor a sottolineare come “Il numero di biglietti venduti tra il 20 e il 30 aprile scorsi ha superato quello dello stesso periodo del 2019, portandoci quindi sopra a quanto si registrava prima della pandemia – seguita Gotor – Stando ai dati raccolti, infatti negli ultimi 10 giorni di aprile di quest’anno sono stati registrati 65.430 ingressi contro i 62.943 della stessa decade del 2019. Si tratta di un’ottima notizia, un segnale di fiducia e di ripartenza che ci fa ben sperare per la prossima estate”.

LeMa

Previous articleRoma punta sul Pnrr per riaprire 14 impianti abbandonati
Next articleAccordo IX Municipio-Sindacati: nasce l’osservatorio sullo smart working per supportare l’amministrazione