Home Notizie Cronaca Roma

Per Stefàno voto entro l’estate, ma Pallotta rilancia: Stadio pronto in tre anni

Il Progetto potrebbe tornare in Aula per la Variante urbanistica entro l'estate, mentre il patron della Roma parla di lavori conclusi in tre anni e prima pietra nel 2019

SHARE

ROMA – La vicenda Stadio della Roma potrebbe tornare in Aula Giulio Cesare entro l’estate. È questa l’idea avanzata quest’oggi dal vicepresidente vicario dell’Assemblea Capitolina, il consigliere del M5s, Enrico Stefàno. “I tempi sono questi, che avevamo già definito precedentemente. Chiaramente, come già detto dalla sindaca Virginia Raggi, su tutti gli atti ci sarà un ulteriore approfondimento giuridico per fugare qualsiasi tipo di dubbio e poi se l`esito sarà positivo, come finora si sono espressi anche i pubblici ministeri, avremo il dovere di andare avanti con questa procedura, perchè se non e` stata viziata si tratta di un atto dovuto visto che abbiamo già votato una delibera in Assemblea capitolina”.

STADIO ENTRO TRE ANNI – Sempre sulle tempistiche, ma in questo caso si guarda all’opera completa, è intervenuto in una web tv americana, la Real Vision, il patron della Roma, James Pallotta. La sua speranza, ha affermato, è che lo stadio sia pronto in tre anni: “Inizieremo a costruire alla fine dell`anno, poi ci vorranno circa 28 mesi prima dell`apertura”. Non è però mancata la stoccata alla politica romana, Pallotta ha infatti spiegato che il progetto sarebbe già in ritardi di tre anni: “La politica – ha commentato – a volte preferisce non decidere. Se si pensa a tutti i vantaggi del progetto, l`unica domanda da fare è: ok, quando iniziamo a scavare?”.

Red