Home Cultura Cinema

Suburra

SHARE
cinema 129 . suburra

Per chi ancora non l’avesse visto

Ispirato all’omonimo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini (già autori, rispettivamente, di “Romanzo criminale” e “ACAB”, divenuti entrambi due soggetti su cui Sollima ha lavorato), “Suburra” attualizza e riporta in scena quel malfamato quartiere dell’Antica Roma, posto alle pendici del Quirinale e del Viminale, in cui potenti e delinquenti si incontravano per tramare complotti e nefandezze. La storia raccontata è sporca, violenta, piovosa e oscura: la prevaricazione fisica è il filo conduttore su cui politici, ecclesiastici, uomini di spettacolo e criminali di ogni genere, ballano una macabra danza della morte. Sòllima (l’accento è voluto per far capire la pronuncia) presenta una società senza speranza: in “Suburra” non ci sono personaggi positivi, non c’è salvezza, non c’è passato e non c’è futuro. C’è solo un presente vissuto nell’attesa che un grilletto o un coltello emettano la loro sentenza.

Regia: Stefano Sollima
Sceneggiatura: Stefano Rulli, Sandro Pretaglia, Carlo Bonini, Giancarlo De Cataldo
Interpreti: Pierfrancesco Favino, Claudio Amendola, Alessandro Borghi, Elio Germano, Greta Scarano, Giulia Elettra Goretti, Adamo Dionisi, Giacomo Ferrara, Antonello Fassari

(ITA 2015)

Simone Dell’Unto