Home Municipi Municipio IX

Micro-Discariche: bonifiche sulla Laurentina

microdiscaricalaurentina

Si riqualificano piazzole e spartitraffico, mentre si attende una soluzione strutturate al fenomeno

Ads

GLI ECOMOSTRI SOTTO IL LETTO – Nello scorso numero di Urlo abbiamo parlato di micro-discariche, definendo questi accumuli di rifiuti degli ‘ecomostri sotto il letto’. Delle isole di degrado e illegalità che stanno punteggiando tutti i territori più o meno periferici della Capitale. Nel nostro articolo abbiamo voluto puntare sui quartieri periferici del Municipio IX e sugli accumuli di rifiuti, anche ingombranti, lungo gli spartitraffico e le piazzole di sosta delle grandi arterie stradali della zona. 

BONIFICHE SULLA LAURENTINA – Tra i tanti esempi e le segnalazioni arrivate alla nostra redazione, oltre ai numerosi ‘punti di sversamento’ in zona Falcognana e Ardeatina, sono presenti anche le aree della Laurentina nel tratto compreso tra il Grande Raccordo Anulare e la rotatoria in corrispondenza del Cimitero Laurentino. Perlomeno per quest’area sembrano però esserci buone notizie. A parlare della bonifica iniziata nelle prime ore di questa mattina è l’Assessore all’Ambiente municipale, Alessio Stazi, “Questa mattina sono iniziate le operazioni concordate con il Municipio IX di bonifica e ripristino decoro in Via Laurentina. Saranno bonificate da parte di AMA Grandi Bonifiche le aree di maggiori criticità, le fermate autobus, il punte pedonale e le piazzole nel tratto compreso tra il GRA e la rotatoria nei pressi del cimitero Laurentino – seguita attraverso il suo profilo Facebook – Le operazioni sono già iniziate con la bonifica del ponte pedonale in via laurentina, altezza Fonte Laurentina”. 

LE COMPETENZE MUNICIPALI – L’Ente Municipale, lo ripetiamo, non ha competenza diretta nella rimozione di queste micro-discariche. Come spiegato al nostro giornale dall’Assessore Stazi, le uniche possibilità sono il coordinamento, le segnalazioni e la programmazione: “Con una mappatura generale dei siti abbiamo interessato i PICS, l’Ama grandi bonifiche e grazie al piano di interventi e alla programmazione siamo riusciti ad ottenere molte bonifiche”. 

IL DIFFICILE CONTRASTO – Le difficoltà nel contrasto al fenomeno dello sversamento illegale e indiscriminato rimangono. Tra le azioni intraprese nel Municipio IX ci sono le aperture di nuovi centri di raccolta destinati ai cittadini: “Abbiamo voluto fortemente l’apertura del centro di raccolta dei rifiuti ingombranti a Mostacciano e anche il IX gruppo della Polizia Locale è molto attivo e tra le vie più interessate dal fenomeno abbiamo via Ardeatina e via Laurentina, via Cristoforo Colombo, via Pontina Vecchia – ci spiega il Presidente del Municipio IX, Andrea Santoro – Ma nonostante l’ottimo lavoro dei nostri agenti a distanza di pochi giorni dalla bonifica, spesso rinveniamo altri rifiuti”.

SMALTIMENTI ILLEGALI – Tra le maggiori difficoltà al contrasto non ci sarebbe soltanto l’inciviltà e la noncuranza di alcuni nostri concittadini, ma anche la pratica, oramai in aumento, di sversamento sistematico di rifiuti ingombranti e di risultanze dalla ristrutturazione di appartamenti. “Principali responsabili di questo fenomeno sono gli svuota-cantine – seguita il Presidente Santoro – attività molto spesso completamente sconosciute al fisco che, in tempi di crisi economica, lucrano sui rifiuti dei cittadini: li ritirano a caro prezzo e poi, per non pagare lo smaltimento in discarica, li sversano dove possono. Per questo faccio ancora una volta appello ai cittadini, affinché usufruiscano dei servizi dedicati di Ama o si affidino a ditte specializzate riconosciute”.

COINVOLGERE LA FILIERA NEL RICICLO – Sul contrasto agli sversamenti sistematici abbiamo voluto comprendere quali siano le azioni studiate dall’Assessorato Capitolino all’Ambiente: “Purtroppo quando si passa al ‘porta a porta’ c’è una percentuale di persone che invece di usare il nuovo servizio decide di sversare illegalmente i rifiuti – spiega in una nostra recente intervista l’Assessore capitolino Estella Marino – Molto spesso abbiamo riscontrato che sono soprattutto le piccole ditte edili che lavorano in nero e che prima evidentemente buttavano tutto nei cassonetti. Per scoraggiare questo sistema stiamo lavorando con gli ‘smorzi’ perché si impegnino loro stessi a diventare dei centri di raccolta per le risultanze delle ristrutturazioni. Ci sarà bisogno di un protocollo di intesa, e su questo stiamo lavorando. Inoltre – conclude l’Assessore – stiamo cercando di aumentare il numero di isole ecologiche sui territori, in modo da scoraggiare questi comportamenti anche da parte dei cittadini”. 

Leonardo Mancini

 

Previous articleLa metafora del viaggio al tempo di Internet
Next articleScontri a Roma: danni irreparabili per la Barcaccia