Home Municipi Municipio IX

Vigili Municipio IX: si cerca una sede definitiva

SHARE
romacapitalepoliziarepertorio

Arriva lo sfratto per il gruppo di polizia locale, mentre si chiede una sede unica per gli agenti

LE SEDI DEL GRUPPO – Sul territorio del Municipio IX il Gruppo di Polizia Locale ha due differenti sedi: una principale in via dell’Acqua Acetosa Ostiense e l’altra in via Canzon del Piave nel quartiere Giuliano Dalmata. I motivi di questa separazione non sono da ricercare nelle necessità di differenti sedi per un territorio tanto vasto, bensì in una vicenda che parte nel 2002. Allora venne dichiarata inagibile una parte dell’edificio che ospita il Gruppo in via Canzon del Piave, durante i lavori di sistemazione è stata anche restaurata la vecchia scuola di Tor Pagnotta, che al momento ospita circa 170 agenti. 

LO ‘SFRATTO’ – Ad oggi la sistemazione degli agenti torna ad essere a rischio. Infatti nella giornata del 19 marzo, durante una riunione dei Capigruppo municipali, è stata ricevuta una delegazione dei rappresentanti delle varie sigle sindacali: “Siamo venuti a conoscenza che il Presidente Santoro e il Sindaco Marino vogliono sfrattare il nostro comando dei vigili senza dare nessun preavviso e senza nessuna spiegazione e per di più tra pochissimi giorni – scrive in una nota il consigliere Massimiliano De Juliis, a margine della riunione – È un copione che si ripete. Ancora una volta, il Presidente Santoro si dimostra un delegato territoriale del PD che ubbidisce solamente alle decisioni che prende il suo partito e che non governa ma viene governato. Dovrebbe prendere esempio dal suo collega Tassone del Municipio X e dare le dimissioni”.

LE SCADENZE E GLI APPUNTAMENTI – intanto sembra che ci sia ancora margine per intervenire sulla vicenda. A quanto si apprende dai sindacati di categoria la volontà sarebbe quella di raggiungere una soluzione definitiva in una sede unica e permanente. Ci sarebbe anche una data già fissata (il 27 aprile) per un incontro con il Presidente Santoro, al quale i rappresentanti si rivolgeranno per risolvere l’annosa vicenda.

AD