Home Notizie Città Metropolitana

Coronavirus: da Regione e Comune rete di assistenza per le persone in difficoltà

Spesa di farmaci e generi alimentari a domicilio: gli accordi con Ater, Croce Rossa Italiana e Protezione Civile capitolina

SHARE

ROMA – Sono molti i servizi che piano piano stanno nascendo sul territorio per stare vicino ai soggetti più fragili e in difficoltà. Tra queste da segnalare l’iniziativa della Regione Lazio e dell’accordo sottoscritto con la Croce Rossa Italiana e Ater e il servizio del Comune di Roma, in sinergia con la Protezione civile di Roma Capitale, entrambi per la consegna di farmaci e spesa a domicilio.

REGIONE LAZIO, CROCE ROSSA E ATER

“Questo è il tempo della responsabilità, ma anche della solidarietà”, si legge nella nota diffusa dalla Pisana. Per questo “l’Assessorato alle Politiche Abitative della Regione Lazio e l’Ater di Roma hanno sottoscritto un accordo con la Croce Rossa Italiana per attivare un servizio di consegna dei farmaci e della spesa alimentare a domicilio per le persone in maggiore difficoltà che abitano nelle case popolari Ater”. Il servizio è rivolto agli anziani (persone con più di 65 anni di età) e in particolare a quelli non autosufficienti e soli, oltre che a tutti i “soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (temperatura superiore a 37,5°) o sottoposti alla misura della quarantena o risultati positivi al virus, alle persone immunodepresse, ai disabili, agli affetti da patologie gravi, da disabilità invalidanti, ai nuclei composti da due sole persone di cui uno disabile grave a cui è fermamente raccomandato di non uscire di casa”.
L’Ater provvederà a informare dell’esistenza del servizio gli utenti fragili, rientranti in queste categorie, mediante comunicazioni ad hoc (telefonate, sms o mail) per l’attivazione del servizio “consegna a domicilio” e la modalità di espletamento dello stesso.
Tutti gli utenti che appartengono a queste categorie, fa sapere la Regione, possono “contattare il call center dedicato di Ater al numero 06 899 199. L’operatore acquisirà le richieste degli utenti, riferite all’acquisto di prodotti alimentari e farmaci, per poi trasmetterle alla Croce Rossa italiana, comitato di Roma, che a sua volta si avvarrà dei centri operativi nei vari quadranti della Capitale per il reperimento e la consegna delle merci ordinate”. I prodotti saranno ritirati presso gli esercizi commerciali dai volontari della CRI che saranno in uniforme e ben riconoscibili. Per quanto riguarda la consegna dei medicinali gli operatori “potranno ritirare la ricetta presso lo studio medico o acquisiranno il numero NRE e il codice fiscale del destinatario del farmaco per poi recarsi in farmacia. I medicinali e i prodotti alimentari verranno poi consegnati in busta chiusa all’utente”. Prima di procedere agli acquisti il volontario incaricato si recherà presso l’abitazione del soggetto che chiede di usufruire del servizio, ritirando il denaro necessario alla spesa: “Il servizio di consegna è completamente gratuito”.
“Con questo nuovo accordo con la Croce Rossa Italiana vogliamo fornire un ulteriore contributo per contrastare il contagio da Covid-19, aiutando le persone anziane, con disabilità o con gravi fragilità a restare a casa” ha dichiarato Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio. In questo modo, spiega il direttore generale Andrea Napoletano, “ATER Roma, su impulso della Regione Lazio e grazie alla preziosa disponibilità della Croce Rossa Italiana, ha voluto attivare un servizio per alleviare le difficoltà che le necessarie restrizioni per fermare il contagio comportano nella vita quotidiana dei più fragili”. “Croce Rossa di Roma con i suoi Volontari – commenta la presidente della C.R.I., Debora Diodati – è mobilitata da settimane a sostegno degli anziani e delle persone più fragili con quello che abbiamo chiamato “il tempo della gentilezza”. Questo accordo ci vedrà ancora più partecipi di un’azione che nell’emergenza cerca di non lasciare indietro le persone più esposte e quelle più fragili”. “La nostra mission – ha poi concluso Adriano De Nardis, presidente della C.R.I. della Regione Lazio – ci impone di mettere a disposizione ogni nostra risorsa per limitare qualsiasi inutile esposizione, specie per i cittadini più vulnerabili”.

COMUNE DI ROMA

Anche dal Comune di Roma sono state messe in campo iniziative a sostegno per soggetti più fragili e anziani. Sono loro le persone più deboli e a rischio in questa situazione di emergenza sanitaria e la loro è una categoria che deve essere tutelata. “I romani stanno seguendo le regole, anche se molto dure”, ha detto la Sindaca di Roma Virginia Raggi nel corso di un intervento in diretta nella trasmissione Agorà su Rai3. “Ricordo che qui a Roma siamo stati i primi a chiudere i centri anziani e a fare le sanificazioni nei vari centri di aggregazione e nelle scuole”. Per aiutare i soggetti più fragili “abbiamo attivato con la Protezione civile di Roma Capitale il servizio di consegna della spesa e dei farmaci a domicilio”. Tutti i contatti per le informazioni sul servizio e per poterne usufruire sono sul sito del Comune di Roma, ha proseguito la prima cittadina della capitale. I cittadini potranno anche semplicemente chiamare lo 0606060 per essere indirizzati al numero della Protezione civile di Roma Capitale che si occuperà poi di prendere in carico e gestire le richieste che perverranno dai cittadini.

Anna Paola Tortora