Home Municipi Municipio VIII

Un sabato verde per il Municipio VIII

SHARE
10678628 356465227839101 3470262092185136812 n

Il 13 settembre tre iniziative sulle aree verdi organizzate da cittadini e comitati

LA PARTECIPAZIONE – Sempre più spesso ci troviamo a scrivere di iniziative di cittadini che si rimboccano le maniche e mettono la proverbiale ‘pezza’ dove l’Amministrazione non arriva. Continuamente assistiamo a pulizie partecipate e manutenzioni del patrimonio pubblico portate avanti da associazioni, comitati e residenti. Operazioni autofinanziate, in totale regime volontaristico che, in molti casi, pesano enormemente sulle casse delle associazioni. Esempio clamoroso di questo rinnovato spirito di partecipazione è la giornata di sabato 13 settembre, durante la quale sono previste sul solo territorio del Municipio VIII ben tre differenti manifestazioni di questo tipo. Tutte e tre organizzate grazie all’impegno e alla partecipazione di cittadini volenterosi.

CADUTI DEL MARE – Si parte la mattina alle dieci e trenta con la pulizia partecipata del Parco Caduti del Mare alla Garbatella, dove il Comitato La Comunità opera oramai da qualche mese con pulizie organizzate con cadenza bisettimanale che comunque non bastano al fabbisogno di un Parco tanto grande e frequentato: “Abbiamo costituito il comitato a febbraio, poi da marzo abbiamo iniziato la pulizia periodica del parco per due domeniche al mese – ci spiegava una delle attiviste nel mese di luglio – Raccogliamo l’immondizia ma i cestini si riempiono subito. Dopo solo un paio di giorni sono nuovamente pieni e in molti casi strabordano”. Spesso si trovano anche altri tipi di rifiuti che non riguardano il normale utilizzo del parco: “Troviamo valige, vestiti ma anche i rimasugli delle feste di compleanno”. Di certo il comportamento dei cittadini non aiuta a mantenere pulito il parco, ma tra le richieste avanzate dal Comitato c’è anche la sistemazione dei giochi per bambini e della rete del campetto, oltre ad un più frequente svuotamento dei cestini. 

LA FESTA DEL PARCO A COMMODILLA – Altre due iniziative sono previste per il pomeriggio, la prima al Parco Commodilla, sempre in zona Garbatella, dove il Comitato concessionario dell’area, dopo aver organizzato la scorsa settimana una pulizia partecipata con sette differenti realtà associative e oltre cinquanta partecipanti, propone l’annuale Festa del Parco. In questa occasione, oltre a laboratori per bambini, spazi per associazioni e musica dal vivo, verrà anche organizzato un dibattito sulla gestione partecipata delle aree verdi, cui parteciperanno cittadini e Istituzioni. 

LA PULIZIA DEL PARCO FALCONE E BORSELLINO – Il terzo appuntamento è per il pomeriggio di sabato alle ore 17 con la pulizia del Parco Falcone e Borsellino in via Badia di Cava alla Montagnola. Ad organizzarla è l’attivissimo Comitato Parchi Colombo, che nel mese di luglio si era già distinto per la ricostruzione delle panchine vandalizzate: “Dopo avere richiesto al Comune la sostituzione delle panchine oppure delle assi per ripararle, abbiamo deciso di acquistare direttamente noi il materiale in Trentino – ci racconta Manolo Palazzotti del Comitato – Le mamme del parco hanno fatto delle torte e pian piano stiamo cercando di rientrare della cifra spesa. Riusciamo ad intervenire sulle piccole cose, il vero problema sono gli interventi più ingenti”. Il Parco infatti necessiterebbe di alcuni lavori di manutenzione straordinaria importanti, come il ripristino di parte dell’illuminazione, la riapertura di una fontanella e la sostituzione della recinsione perimetrale: “Noi pian piano facciamo questi interventi e le pulizie del Parco, ma intanto siamo completamente abbandonati dall’Amministrazione Comunale – seguita Palazzotti – senza una rete intatta e il servizio di apertura e chiusura assistiamo a continui atti vandalici. Inoltre con la fontanella chiusa è difficile frequentare il Parco – in ogni caso sempre pieno – Dapprima ci è stato detto che il problema era lo scarico ostruito, così ci siamo adoperati per pulirlo, poi sono state accampate altre scuse, ma di fatto che sono tre anni che la fontanella è chiusa. L’ultimo operaio intervenuto – racconta Manolo Palazzotti – non riusciva nemmeno a trovare il rubinetto della fontana, che probabilmente è sulla strada al di fuori del Parco ed è stato asfaltato”. In ogni caso i cittadini del comitato e i tanti fruitori del parco non demordono e invitano la cittadinanza a collaborare alla pulizia.

Leonardo Mancini