Home Municipi Municipio VIII

Via del Campo Boario: si parla di riqualificazione

SHARE
campoboario

In Municipio VIII si parla di riqualificazione del quadrante. Si accende la polemica sulle occupazioni e sulla movida

LA MOZIONE – è stata presentata dal Partito Democratico nel Consiglio Municipale del 26 novembre. Approvata all’unanimità non ha mancato di riaprire vecchie discussioni, come quella riguardante l’ex Caserma dell’aeronautica di via del Porto Fluviale. “Il quadrante cui fa capo via del Campo Boario è stato sempre più spesso oggetto di dibattito nelle commissioni del Municipio – spiega la proponente della mozione, la Consigliera del PD Alessandra Aluigi – Si è andato generando un paradosso per cui nonostante questo quadrante sia la zona del nostro Municipio più vicina al centro della città, sempre più spesso si trova in una situazione di degrado e pericolosità soprattutto durante le ore notturne”. La situazione come hanno raccontato i cittadini è ormai giunta ad un punto critico, con il continuo bivacco notturno in prossimità delle mura, e un accumulo di bottiglie e immondizia cui è difficile mettere un freno. “Con questa mozione – seguita la Consigliera Aluigi – chiediamo alla Giunta e al Delegato alla Sicurezza di farsi carico della situazione, per migliorare la vivibilità e far si che questo quadrante divenga una priorità per l’Amministrazione”.

MAGGIORE ATTENZIONE – sul quadrante è stata richieste anche dalle associazioni e dai comitati di zona, come spiega nel suo intervento il Consigliere PD Flavio Conia: “Abbiamo portato avanti un lavoro di ascolto dei comitati, delle loro esigenze e delle loro proposte. C’è stata presentata l’idea di una ‘Festa dei Comitati’ da tenersi a ridosso delle antiche mura romane di via del Campo Boario – seguita il Consigliere democratico – purtroppo dalla Soprintendenza sono arrivate delle risposte poco concilianti. È inconcepibile che si tolleri il bivacco notturno ma non si accolga con favore una iniziativa di questo genere”. Concorda su questo punto anche la Consigliera d’opposizione del Movimento 5 Stelle, Valentina Vivarelli: “Questo atto in votazione deve essere un punto di partenza per lavorare sul degrado e permettere questa festa dei comitati, un modo per riportare l’attenzione su un quadrante in molti casi dimenticato”.

LA POLEMICA – sollevata su questa mozione non riguarda l’importanza di sollecitare delle soluzioni anti degrado, infatti il documento è stato approvato con voto unanime. Le problematiche del quadrante rilevate negli interventi dell’opposizione avrebbero invece radici profonde: “Questo quartiere ha delle criticità croniche – spiega nel suo intervento in aula il Consigliere del PDL, Maurizio Buonincontro – che non riguardano solo i problemi elencati nell’atto. Bisogna assolutamente guardare anche all’occupazione dell’ex Caserma dell’Aeronautica, elemento di indiscussa criticità nel quadrante”. Nonostante i problemi che, a detta del Consigliere Buonincontro, questa occupazione negli anni ha portato “il tempo ha ormai avviato un processo di integrazione nel quartiere, nonostante questo se le forze politiche sono interessate a dare delle risposte sulle varie criticità nel quadrante, allora bisogna aprire un confronto anche sulla ex Caserma”. Secondo il Consigliere del PDL l’occupazione della Caserma porterebbe anche dei rischi per gli occupanti: “Non sappiamo in che condizioni strutturali sia lo stabile, inoltre la presenza di quell’occupazione si riflette su tutto il quadrante – conclude Buonincontro – quindi per parlare di valorizzazione del quartiere dobbiamo partire proprio dalla ex Caserma”. Il discorso portato avanti dal Consigliere Buonincontro per l’esponente di SEL, Amedeo Ciaccheri, risulta fuori da ogni logica: “Le situazioni create per evitare che luoghi pubblici cadessero nel degrado, dovrebbero avere parte importante in una discussione sui comportamenti virtuosi tenuti in quel quadrante – spiega il Consigliere Ciaccheri riferendosi all’ex Caserma – gli interessi del Municipio sono altri, sono la riqualificazione e l’eliminazione del degrado”.

PULIZIA E ORDINE PUBBLICO – Sono questi i temi richiamati dal Consigliere di SEL, Massimo Cartella, in relazione agli interventi utili a ripristinare il decoro del quadrante: “Ad Ostiense i problemi sono i più vari. Pensiamo a via del Commercio con bottiglie vuote che continuano ad accumularsi. Il problema – suggerisce Cartella – riguarda una scarsa vigilanza da parte delle forze dell’ordine e poca attenzione da parte dell’AMA. Ci sono luoghi in cui la pulizia delle strade non viene effettuata quasi mai”. Di rimando è il Consigliere del PDL, Simone Foglio, a ringraziare il collega per l’intervento: “Prendo atto dell’analisi del Consigliere Cartella sulla mancanza di controllo nel quadrante e aggiungo che quel territorio merita il nostro approfondimento. Su altre porzioni del Municipio questa Giunta sta facendo delle pessime figure – spiega Foglio in relazione al sequestro del cantiere del Parco di Tor Marancia – sarà necessario capire se questa maggioranza è ancora nella condizione di dare risposte significative ad un territorio come quello dell’Ostiense”. Le necessità del quadrante sono molte, sulle possibili soluzioni è poi il Capogruppo del PD al Municipio VIII, Federico Raccio, a dare una prospettiva differente: “In quel quadrante non serve tanto una maggiore vigilanza, ma un disciplina più stringente sugli orari dei locali e sulla vendita di bevande da asporto – conclude Raccio – inoltre la strada in questione – via del Campo Boario – è limitrofa alla movida di Monte dei cocci e ne subisce il degrado”. Gli impegni sulla risoluzione di queste problematiche è, in ogni caso, stato preso all’unanimità, continueremo ad osservare la vicenda e a vigilare perché alle parole seguano i fatti.

Leonardo Mancini

SHARE