Home Municipi Municipio IX

Porta Medaglia: l’opposizione chiede di mantenere gli impegni

SHARE
discaricaabusivaportamedaglia

Ripristino del manto stradale e bonifica delle discariche abusive, queste le criticità su cui intervenire

 

L’OPPOSIZIONE – municipale continua a lamentare lo scarso interesse dell’Amministrazione sui problemi del quadrante di Porta Medaglia. In questo caso è il Vice Presidente del Consiglio del Municipio IX, Massimiliano De Juliis, a ricordare quanto tempo sia passato dalle ultime richieste ufficiali di intervento: “Era il 15 novembre 2013 quando ho presentato il documento votato poi all’unanimità, l’ODG 16/13, con il quale si impegnava il Presidente Santoro alla manutenzione straordinaria di Via di Porta Medaglia nei tratti che, in precedenti interventi, non erano stati ancora ripristinati”.

DOPO CINQUE MESI – il Consigliere De Juliis sottolinea la mancanza di qualsiasi intervento: “Ancora non vediamo l’inizio dei lavori”. Soprattutto in quei tratti in cui via di Porta Medaglia: “Per la sua conformazione e per il manto stradale in pessime condizioni è divenuta pericolosissima – continua De Juliis – Chiediamo pertanto al Presidente Santoro di mantenere gli impegni presi e di dare il via al ripristino del manto stradale nei tratti più critici per mettere in sicurezza l’arteria e far effettuare controlli sul divieto di transito ai TIR che colpevolmente non ha ancora effettuato”.

LE DISCARICHE ABUSIVE – più o meno nascoste alla vista dei passanti, sono l’altro tema su cui dall’opposizione municipale si chiede un intervento immediato: “Inoltre a distanza di poco più di un anno in cui la precedente amministrazione è intervenuta per bonificare le discariche abusive, montando anche delle reti di protezione per evitare che si potesse ripetere l’abbandono dei rifiuti, oggi ci troviamo di fronte ad una situazione di totale abbandono – conclude De Juliis – reti divelte e discariche abusive disseminate su tutta l’arteria che ormai necessita di una nuova bonifica ed il ripristino delle reti metalliche a protezione”.

Leonardo Mancini