Home Municipi Municipio VIII

Bullismo: se ne parla in Municipio VIII

SHARE
bullismo repertorio

L’iniziativa l’11 aprile sulla Legge Regionale contro il bullismo

L’INIZIATIVA – L’attività nei municipi della Capitale è agli sgoccioli. In vista delle consultazioni elettorali l’attività politica dei consiglieri municipali cesserà, ma restano ancora alcuni giorni per mettere in campo delle iniziative. Per questo in Municipio VIII è stata organizzata una conferenza di presentazione della Legge Regionale contro il bullismo. L’appuntamento è nell’Aula consiliare di Via Benedetto Croce 50 alle ore 16 di lunedì 11 aprile. 

LA LOTTA AL BULLISMO – “Ci abbiamo tenuto a far sì che una delle ultime attività organizzate prima di lasciare il nostro ruolo in Municipio VIII fosse questa – scrive il Presidente della Commissione Cultura e consigliere del PD, Flavio Conia – Perchè la lotta al bullismo deve essere una priorità, da questa dipende la sana crescita di tanti giovani o giovanissimi cittadini e cittadine, che coglieranno o meno opportunità a causa di un condizionamento di chi gli è intorno, che non vivranno la loro vita per paura di essere respinti, che si chiuderanno in loro stessi e respingeranno a loro volta rendendo il problema ciclico”.

SQUARCIARE IL VELO CHE COPRE IL FENOMENO – La Legge è stata approvata dal Consiglio Regionale del Lazio il 2 marzo scorso, mentre l’iniziativa dell’11 aprile è stata organizzata dalla Commissione Cultura e da quella al Bilancio del Municipio VIII e vedrà la partecipazione dei Consiglieri Regionali Massimiliano Valeriani e Marta Bonafoni: “Combattere il bullismo vuol dire aprire una lotta contro l’omofobia, il razzismo, contro i disturbi alimentari, contro il sessismo, contro la dispersione scolastica, squarciare il velo che copre questo orrendo fenomeno che prende forza dalla debolezza sia del bullo sia della vittima – prosegue Conia – Ecco perchè dobbiamo lavorare sulle debolezze e sulle solitudini, per non lasciare nessuno indietro. Le scuole sono luoghi di comunità non di odio, lo sport è luogo di crescita non di esclusione, i nostri quartieri devono essere laboratori di inclusione non di emarginazione”.

LeMa