Home Municipi Municipio VIII

Piano per le periferie: gli interventi in Municipio VIII

SHARE
palladium-roma

Led, potature, manutenzione stradale ed il restyling di Piazza Bartolomeo Romano

IL PIANO PER LE PERIFERIE – Il progetto ‘Roma è tutta Roma: rimettiamo al centro le periferie’ è stato presentato ieri dal Sindaco Marino come elemento di rilancio per i territori più periferici della Capitale. Il piano prevede otto punti fondamentali: i sampietrini rimossi dal centro daranno vita a 14 piazze in periferia, illuminazione Led, interventi sulle strade, lavori pubblici straordinari, manutenzione scolastica, sostegno all’offerta educativa e alla genitorialità, riportare la cultura in periferia e una maggiore cura del verde.

GLI INTERVENTI – Il Piano prevede interventi anche nel Municipio VIII. Si parte dalla manutenzione della sede stradale di via Grottaperfetta, nel tratto da via Ardeatina fino a via Calderon della Barca. Si passa poi alle potature, già iniziate, in via Giovannipoli a Garbatella e in via Marco e Marcelliano nel quartiere Ardeatino. Inoltre anche in questo territorio prende il via il progetto di illuminazione a Led, già presentato dal Sindaco e finanziato con 47 milioni di euro utili all’attivazione di 198mila punti luce. La nuova illuminazione verrà installata in via Mario Rigamonti, via Benedetto Croce, via Adolfo Ravà e anche su Piazzale del Caravaggio. 

PIAZZA BARTOLOMEO ROMANO – Si è poi voluto trovare uno spazio che potesse ospitare i sampietrini provenienti dal centro. Su tutto il territorio capitolino sono 14 le piazze individuate, molte delle quali diverranno isole pedonali. Per il Municipio VIII la scelta è ricaduta su Piazza Bartolomeo Romano nel quartiere Garbatella, crocevia troppo importante per essere pedonalizzato. È infatti l’assessore municipale ai Lavori Pubblici, Paola Angelucci, a spiegare cosa succederà alla piazza: “Piazza Bartolomeo romano non può essere pedonalizzata nel senso proprio del termine, perché è un crocevia indispensabile per la viabilità del quartiere – spiega – In realtà sarà un restyling della piazza, un opera di riqualificazione che riordini gli spazi”. 

LA PIAZZA COME SARÀ – L’intervento dovrebbe quindi configurarsi con un riordino, che tenga conto anche della possibilità di utilizzare i sampietrini del centro storico: “Noi proponiamo anche una rotatoria per la sicurezza stradale – seguita Angelucci – Sarà un luogo che si contraddistinguerà per l’alto valore culturale, inserita tra il teatro e la biblioteca negli ex Bagni Pubblici – conclude – Quindi vogliamo che l’intervento del comune concordi con il nostro progetto di ricerca di maggiore vivibilità per i cittadini, anche con marciapiedi più curati e ampi”. 

LM