Home Municipi Municipio VIII

Sinistra Italiana: nasce il gruppo consiliare al Municipio VIII

SHARE
sinistra italiana teatro quirino

Si modifica l’assetto della maggioranza “verso una rinnovata proposta per Roma”

NASCE IL GRUPPO DI SINISTRA ITALIANA – Si modifica l’assetto politico nell’Aula Consiliare del Municipio VIII. A darne notizia è il Presidente Andrea Catarci, che annuncia la nascita del nuovo gruppo consiliare di Sinistra Italiana, composto dai cinque consiglieri precedentemente iscritti al gruppo di SEL e da una consigliera proveniente dal PD

I MEMBRI DEL NUOVO GRUPPO – I sei consiglieri che da oggi formano il Gruppo di SI-SEL in Municipio VIII sono: il Presidente Andrea Catarci, Amedeo Ciaccheri, Massimo Cartella, Floriana D’Elia (proveniente dai banchi del PD), Marcello Duranti e Gabriella Magnano. “A seguito della partecipata iniziativa svolta al Teatro Quirino, si è rafforzata la volontà di dar vita anche nelle istituzioni locali a percorsi di riaggregazione e di contaminazione – spiegano i sei consiglieri in una nota congiunta – A partire da un Municipio storicamente e saldamente ancorato a sinistra, mossi dal convinto rifiuto delle politiche nazionali di manomissioni delle libertà democratico-costituzionali e di passivizzazione degli Enti Locali, si intendono moltiplicare gli spazi per delineare una rinnovata proposta per Roma, nella difficile congiuntura dell’attuale commissariamento seguito alla defenestrazione dell’ex Sindaco Marino”.

L’USCITA DAL PD – “Cari compagni e amiche, cari amici e compagne”, inizia così la lettera che l’ormai ex consigliera PD, Floriana D’Elia, ha indirizzato al Partito Democratico. La consigliera d’Elia parla di una scelta difficile e sofferta, maturata nelle ultime settimane, che però parte da lontano “dalla distanza che vivo tra quella che è la mia idea di sinistra e ciò che invece vedo rappresentato dall’attuale Partito Democratico”. Elemento scatenante di questa decisione è sicuramente la situazione politica che sta vivendo la città: “La vicenda che ha portato allo scioglimento del Comune di Roma ha infranto anche la mia ultima illusione di poter ripartire proprio da Roma, anche se dalle macerie del dopo Mafia Capitale, per la ricostruzione nel PD e con il PD di un autorevole soggetto di sinistra – seguita la consigliera nella sua lettera – Da qui parte un nuovo viaggio che sarà difficile, dall’esito non ancora certo, ma in cui metterò tutto quello in cui credo e tutta me stessa”.

Leonardo Mancini