Home Notizie Cronaca Roma

Ardeatina: partono i lavori per le rotatorie

SHARE
rotatoria1ardeatina

L’obiettivo è ridurre il più possibile i disagi per cittadini e pendolari

LE ROTATORIE – Il 18 luglio è stato inaugurato il primo dei cantieri che nei prossimi mesi interesseranno via Ardeatina. Si parla ancora una volta delle famose rotatorie attese da pendolari e residenti da più di dieci anni. Ma questa volta a far ben sperare ci sarebbe un ‘raccomandazione speciale’: la necessità di cantierizzare e chiudere i lavori entro l’8 dicembre prossimo, data di inizio del Giubileo Straordinario. Le rotatorie dell’Ardeatina sono infatti finite all’interno delle opere volte a fluidificare la mobilità in vista dell’importante evento. All’intersezione di via Ardeatina con Via di Vigna Murata e Via di Tor Carbone è prevista la realizzazione di un sistema di circolazione a rotatoria a forma di otto. Per l’intersezione tra via della Cecchignola, via Ardeatina e via Millevoi si punta all’utilizzazione della viabilità esistente per la creazione di uno schema rotatorio. Mentre per le intersezioni con via di Torricola e via di Tor Pagnotta si andrà verso la creazione di rotatorie a tre rami.

LE REAZIONI – Durante l’apertura del primo dei cantieri, quello che interesserà l’incrocio con Vigna Murata, è il Sindaco Marino ad intervenire: “Avere cinque rotatorie imponenti fluidificherà molto il traffico è dimostra l’impegno di questa giunta del fare per una Roma che migliora sempre di più – ha dichiarato durante l’inaugurazione del cantiere – Stiamo investendo ogni risorsa sul trasporto sul ferro, puntando a chiudere l’anello ferroviario, ma è importante che anche chi si muove su gomma possa farlo senza trovarsi, come qui accade, imbottigliato per ore, sottratte alla vita, alla famiglia”. Dal Municipio VIII, interessato dagli interventi assieme al IX, arrivano le prime reazioni all’apertura dei cantieri: “Le recenti urbanizzazioni hanno ampliato i confini di Roma rendendo ancora più difficile, quasi impossibile, muoversi in tempi accettabili – hanno spiegato il Presidente Andrea Catarci e l’Assessora i Lavori Pubblici, Paola Angelucci – Le rotatorie diventano uno strumento indispensabile per la viabilità e, soprattutto, per la sicurezza stradale. Ora – aggiungono – è fondamentale lavorare notte e giorno per concludere le opere in tempi più brevi possibili, non tanto per il giubileo, quanto per affrontare a settembre la ripresa delle attività lavorative e scolastiche con minor disagio possibile”. Una posizione simile è quella tenuta anche dai due consiglieri PD Stefano Pugelli e Antonella Melito, rispettivamente Presidenti della Commissione Lavori Pubblici e Urbanistica: “Un’opera attesa da tanto tempo – dichiara Melito – Soprattutto per questo primo tratto all’incrocio con Vigna Murata che migliorerà anche la situazione dei cittadini residenti nei quartieri limitrofi come Cava Pace”. “Vigileremo perché la data del 31 ottobre venga rispettata – aggiunge Pugelli – Da oggi ci impegneremo perché anche per l’ultima rotatoria, quella tra l’Ardeatina e Grottaperfetta, venga realizzata”. Dal Municipio IX è il consigliere forzista Massimiliano De Juliis a prendere la parola: “Sono ormai vent’anni che dalle prime ore della mattina si formano file chilometriche in entrata a Roma. Un intervento che non sblocca solo la via Ardeatina, ma che dovrebbe fluidificare tutto il quadrante. La notizia positiva è che i cantieri termineranno prima di quanto previsto grazie al Giubileo – conclude – C’è da dire che questa volta abbiamo avuto una raccomandazione dall’alto”.

I TEMPI – In più occasioni abbiamo parlato delle difficoltà alla mobilità del quadrante che potrebbero verificarsi qualora i lavori per queste opere si dilungassero oltre i tempi stabiliti. Quattro cantieri in poco meno di tre chilometri, in una delle arterie più trafficate della Capitale non possono che terrorizzare i tanti automobilisti costretti al traffico quotidiano. Cantierizzare al più presto per portare a termine i lavori più impattanti durante i mesi estivi doveva essere una priorità di questa amministrazione, in parte portata a compimento. Preoccupano i tempi massimi degli interventi, da concludersi per il Giubileo (8 dicembre), anche se le dichiarazioni dell’Assessore Pucci lasciano ben sperare: “I tempi saranno sicuramente precedenti rispetto alla scadenza dell’8 dicembre – ha sottolineato l’assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci – perché sappiamo che qui passano ogni giorno decine di migliaia di autovetture ed è quindi evidente che dobbiamo fare in modo che con la riapertura delle scuole una parte importante del lavoro sia già stata compiuta“. Ci saranno due squadre che lavorano contemporaneamente su porzioni diverse dell’intervento e per poter garantire il completamento nei tempi stabiliti, le lavorazioni avverranno nel periodo festivo, in modo da non interrompere la ciclicità delle opere e da eliminare i tempi tecnici di ripresa delle lavorazioni. Inoltre i cantieri funzioneranno con doppio turno di lavoro, così da consentire il raddoppio della produttività e la conseguente riduzione dei tempi. I lavori non si fermeranno nemmeno la notte, allo scopo di eseguire le pavimentazioni e di realizzare la segnaletica stradale.

LeMa