Home Rubriche Binario21

Tanti Auguri Garbatella

SHARE
garbatellalotto8

Il quartiere compie 95 anni ed esprime un desiderio: “manutenzione straordinaria”

TANTI AUGURI – Anche quest’anno si festeggia il compleanno della Garbatella. Uno dei pochi luoghi al mondo dei quali si conosce la data di nascita, il 18 febbraio del 1920, spegnerà ancora una volta le candeline sulla torta per i suoi 95 anni. In questi casi l’etichetta vuole che si dica apertamente che l’anziana signora non dimostra nemmeno la metà degli anni che porta, e che lo spirito che la anima è quello di una ragazzina. Spesso sono affermazioni che si fanno a mezza bocca con la speranza, nemmeno troppo dissimulata, che nessuno si renda conto della bugia. Se per lo spirito certamente non si può dire che la cara signora Garbatella sia invecchiata di un solo giorno, nel corpo qualche acciacco non manca

IL QUARTIERE – Il quartiere è stato pensato e costruito per ospitare gli operari dell’Ostiense, ma con un’attenzione e una cura uniche. Nessun palazzone, come invece siamo abituati a vedere negli attuali quartieri dormitorio, una vera e propria città-giardino d’ispirazione inglese e tedesca. Un luogo che avrebbe dovuto collegare la città con il lavoro sul litorale romano. Questo fin quando dallo sviluppo marittimo della città si decide di passare ad altro. Così alle piccole palazzine si iniziano ad affiancare dei moderni condomini di cinque o sei piani. Le case rapide, edilizia intensiva che oggi rappresenta la parte più ‘nuova’ del vecchio quartiere. In questi lunghi anni la Garbatella ha subito tante trasformazioni. Si è espanso e spesso ha ‘strabordato’, nella spacconeria dei residenti delle vie limitrofe, occupati spesso ad includere anche la loro abitazione nel perimetro del quartiere. Ma questi 95 anni sono anche una storia fatta scarsa attenzione.

RIQUALIFICAZIONE E MANUTENZIONE – Su questa difficoltà nella cura del quartiere riprendiamo le parole che il Presidente Catarci e l’assessore alla Cultura, Claudio Marotta, hanno riservato per l’occasione dei festeggiamenti: “Sarebbero state necessarie delle attenzioni riservate a spazi pubblici e belle palazzine, messi a dura prova dal passare del tempo e dalla vita che vi scorre dentro; alla stringente necessità di approntare subito un Piano straordinario per la Riqualificazione e la Manutenzione di Garbatella; alla consapevolezza di aver bisogno di qualcosa di più di qualche ritocco e di qualche restyling limitato”. Affermazioni che rimandano ad una richiesta di maggiore impegno, che infatti come ogni anno arriva: “Insomma, per i 95 anni non ci si aspettano gli auguri di rito, bensì un impegno fattivo e congiunto di tutti i soggetti istituzionali, dal Governo nazionale all’Ater passando per la Regione Lazio e Roma Capitale, ad avviare immediatamente una fase di cura straordinaria di Garbatella, che intende vivere da protagonista anche la storia dei prossimi 100 anni”.

GLI AUGURI – Alle richieste per maggiori cure, magari anche attraverso un piano straordinario, ci uniamo anche noi che in più occasioni siamo stati chiamati a raccontare il degrado dei marciapiedi invasi dalle erbacce, oppure delle aree verdi trasformate in discariche. Così come ascoltiamo le difficoltà dei tanti cittadini nei palazzi senza ascensori, ci uniamo a queste richieste, come ci unimmo a quelle per il restauro della Fontana Carlotta. Uno dei tanti simboli che come il quartiere inizia a sentire il peso dei suoi anni. Tanti Auguri Garbatella, una ragazzina travestita da vecchia signora.

Leonardo Mancini

(della Garbatella … più o meno)