Home Municipi Municipio IX

Maximo: cosa si sa del nuovo Centro Commerciale di via Laurentina?

L’apertura è slittata a causa del lockdown. Tra gli oneri anche la nuova sede del Municipio IX ancora da realizzare

SHARE

Tratto da Urlo n.181 Luglio 2020

LAURENTINO – L’inaugurazione era prevista per la scorsa primavera (aprile), ma con il lockdown l’apertura del Centro Commerciale Maximo è stata rimandata. Una data certa non c’è ancora, ma l’attenzione sul nuovo polo di via Laurentina, realizzato dalle società del gruppo Parnasi, è cresciuta costantemente negli ultimi mesi, anche in relazione alle operazioni finanziarie legate al gruppo e ai terreni del Nuovo Stadio della Roma. Si parla di una superficie di 65mila mq con 165 negozi: tra i marchi pronti a trasferirsi nel nuovo centro anche molte catene internazionali, una palestra, un supermercato e un cinema.

IL DIBATTITO IN MUNICIPIO IX

La Commissione Urbanistica municipale aveva programmato una seduta su questo tema per marzo, “purtroppo con il blocco delle attività non abbiamo potuto dare seguito – spiega il Presidente della Commissione, il Consigliere del gruppo misto, Paolo Mancuso – abbiamo però in programma di riavviare i contatti e riprendere questo argomento al più presto”. L’ultimo appuntamento municipale durante il quale è stato trattato il tema risale quindi al 13 febbraio scorso, con la seduta della Commissione Commercio presieduta dal consigliere del M5S, Filippo Massimo Errico: “In Commissione affrontammo il tema dell’apertura di un nuovo centro, soprattutto in relazione agli altri già presenti sul territorio e alla quantità di posti di lavoro portati da Maximo – ricorda il presidente della Commissione – Cercammo di capire se fosse stato possibile realizzare un patto per il lavoro legato ad assunzioni di lavoratori del territorio, anche nell’ottica di diminuire gli spostamenti. Una posizione – aggiunge – sulla quale avevamo ottenuto delle aperture”. La mobilità della zona era stata affrontata anche in relazione alla pressione sulla Laurentina che il centro commerciale causerà una volta aperto, “un problema del quale si dovrà occupare anche la Polizia Locale di concerto con il Municipio”, seguita Filippo Massimo Errico.

LA NUOVA SEDE DEL MUNICIPIO

Tra gli obblighi dei costruttori, lo ricordiamo, oltre alla realizzazione di una piazza pubblica antistante il centro commerciale (1,5 ettari), c’è la costruzione della nuova sede del Municipio IX del valore di circa 9 milioni di euro. Al momento gli uffici sono distribuiti su tre sedi lungo via Silone e l’unificazione potrebbe sembrare un’occasione da non perdere. “La nuova sede è un onere che verrà realizzato nella seconda tranche di lavori – spiega Errico, riportando quanto affermato a febbraio dai privati – assieme ad alcune porzioni di verde di prossimità e al progetto di un ponte pedonale che attraversi la Laurentina”. Ma sul futuro spostamento non sono tutti d’accordo: “Il vantaggio è per il personale e per l’utenza che si ritroverebbe una sede unica non frazionata – spiega il consigliere penta-stellato – Però verrebbe meno il presidio sul Laurentino”. Posizione simile è quella tenuta dal Consigliere Mancuso, che aggiunge: “Non conosciamo gli spazi che saranno a disposizione, ma mantenere un presidio ai Ponti ha un significato, soprattutto nel progetto generale di riqualificazione in corso con l’Ater e con la Regione – conclude – al Laurentino qualcosa dovrà rimanere”. Per il Pd locale dovrebbe essere la politica con la Presidenza il Consiglio Municipale e le Commissioni a dover restare in Largo Benenson: “Comprendo i problemi degli uffici e dei lavoratori, soprattutto sugli spazi e sulla salubrità dei luoghi, ma la politica deve restare qui. Sarà necessaria una riorganizzazione che punti a mantenere la politica tra la gente”.

LE PROSSIME TAPPE

È probabile che già in questi mesi verrà annunciata l’apertura del nuovo centro commerciale e che il Municipio IX dovrà presto far tornare all’ordine del giorno tutti questi temi. Intanto dalle commissioni Commercio e Urbanistica fanno sapere di avere in programma nuove sedute su questo tema.

Leonardo Mancini