Home Notizie Città Metropolitana

Rifiuti: ancora poche ore per decidere sulla discarica

Il sito della Falcognana resta in pole, ma da questa sera scadono i tempi disposti dalla Regione Lazio. Senza una decisione della Sindaca il Comune rischia il commissariamento sui rifiuti

SHARE

ROMA – Ormai siamo agli sgoccioli. Questa sera scadranno i giorni concessi dall’Ordinanza della Regione Lazio al Comune di Roma per indicare uno o più siti per lo smaltimento dei rifiuti della Capitale. Sul tavolo ci sono 7 ipotesi (più altri 4 siti contenuti nelle zone bianche fornite nei mesi scorsi dalla Città Metropolitana), ma tra questi sembra ancora essere la discarica di fluff della Ecofer alla Falcognana ad essere maggiormente quotata.

ANCORA NESSUNA DECISIONE

Nella giornata di ieri durante il Consiglio Comunale, oltre ad un atto (presentato da Fdi) che decretava la contrarietà all’indicazione proprio della discarica su via Ardeatina, il M5s ha presentato e approvato (anche con i voti del centrodestra) un ordine del giorno che impegna la Sindaca ad impugnare l’ordinanza della Regione davanti al TAR del Lazio. Una possibilità che però potrebbe essere già stata superata, in quanto non ci sarebbero i tempi tecnici per procedere alla presentazione di un ricorso. Bocciato invece l’ordine del giorno presentato dalla Consigliera 5 Stelle Ficcardi. Il testo infatti (provocando accese discussioni all’interno della maggioranza) chiedeva alla Sindaca di prendere in mano la situazione, indicando più siti in tutto il Comune, in modo da non gravare esclusivamente su di un territorio. L’intento della consigliera Ficcardi, che ha sottolineato come la maggioranza dovrebbe ‘scusarsi con i romani’, sarebbe stato quello di evitare il commissariamento.

VERSO IL COMMISSARIAMENTO

Così ci si avvicina a grandi passi verso un possibile commissariamento della Capitale in tema di rifiuti, con la nomina di un commissario che si occuperà di scegliere il sito dove verranno smaltiti i rifiuti della città. Intanto il Presidente Nicola Zingaretti questa mattina ha risposto ai cronisti spiegando che “Anche sui rifiuti bisogna fare squadra. Voglio sgomberare il campo da un equivoco – ha proseguito – noi non vogliamo commissariare Roma e faremo di tutto per evitarlo. Ma per farlo bisogna risolvere il problema rifiuti e penso che Comune ed Ama abbiano la possibilità di farlo seguendo le indicazioni contenute nella nostra ordinanza, che non è un atto censorio, ma un’indicazione per evitare i rifiuti per le strade, davanti alle scuole e agli ospedali”. Il Governatore Zingaretti ha poi proseguito spiegando che l’appello “è di dare seguito a quella ordinanza che è finalizzata proprio a evitare sia l’emergenza sia il commissariamento. La sindaca, che giustamente chiede più poteri per Roma, sarebbe strano che non utilizzasse quelli che ha. Comune e Ama possono salvare Roma, noi daremo una mano”. Sui tempi per l’entrata in opera degli eventuali poteri sostitutivi Zingaretti è chiaro: “Stasera verificheremo quanti punti dell’ordinanza sono stati rispettati, ma non c’è nessun elemento automatico, né volontà di commissariare il comune. Non esistono meccanismi automatici. Verificheremo”.

Leonardo Mancini