Home Notizie Cronaca Roma

Roma: il ‘Piano foglie’ arriva in commissione Ambiente

Dall’Ama si parla di aumento del servizio, ma non mancano le critiche per le strade invase da foglie e guano

SHARE

ROMA – La Commissione Ambiente capitolina quest’oggi è tornata sul tema dello spazzamento e del piano per la rimozione delle foglie disposto dall’AMA. Una giornata perfetta per parlare di questo argomento, con la città alle prese con la pioggia fin dalle prime ore del giorno.

PUBBLICARE GLI INTERVENTI

La richiesta di pubblicazione degli interventi effettuati, come di quelli in programma è arrivata dalla consigliera del M5s Alessandra Agnello. Un’operazione, ha proseguito la consigliera, che l’AMA deve assicurare al più presto. Critiche al Piano foglie di AMA sono state sollevate anche dalla Lega, con il consigliere capitolino, Davide Bordoni, che afferma: “Molte strade sia del centro che della periferia sono piene di foglie che, oltre a dare un aspetto di trascuratezza alla città, sono un vero e proprio pericolo per la sicurezza stradale se mischiate al guano e alla pioggia”.

SERVIZIO AUMENTATO

A cercare di sedare gli animi arriva la nota del Presidente della commissione Ambiente, il consigliere del M5s Daniele Diaco: “Le attività di diserbo e spazzamento condotte da Ama su input del Dipartimento Tutela Ambientale proseguono con sempre maggiore intensità. Il servizio – aggiunge – è stato notevolmente potenziato grazie all’incremento delle unità di personale esterno a ciò dedicato”. Queste infatti, come dichiarato in commissione dall’AMA, sono passate da 134 a 326, mentre i mezzi operanti sul territorio sono passati da 34 a 82. “Ama ha sensibilmente incrementato i propri interventi in alcune aree notoriamente critiche a causa dell’ingente presenza di guano, tra cui il Lungotevere, Piazza dei Cinquecento, viale Parioli e viale Europa – seguita Diaco – Sul problema guano e sul tema relativo all’allontanamento degli storni è in atto una fitta interlocuzione tra l’Assessora ai rifiuti Katia Ziantoni e il Dipartimento Tutela Ambientale”.

IL DISERBO ESCE DAL CONTRATTO CON AMA

Sempre in questa commissione si apprende che le operazioni relative al Piano foglie saranno proseguite da AMA e finanziate con la Ta.Ri., mentre il servizio di diserbo di strade e marciapiedi non sarà più competenza della municipalizzata. Questo avverrà a partire dalla scadenza dell’attuale contratto di servizio prevista per il 31 dicembre 2020.

LeMa