Home Municipi Municipio VIII

Nomadi Montagnola: il Ncd coinvolge il Ministero degli Interni

SHARE
NomadiMontagnola

Baccarelli: “Abbiamo informato il Ministro Alfano perchè solleciti l’intervento delle Forze dell’Ordine”

CONTINUANO LE SEGNALAZIONI DEI CITTADINI – La vicenda riguarda un insediamento abusivo attivo da alcuni mesi all’incrocio tra via Laurentina e via Cristoforo Colombo. in quest’area, alle spalle di un supermarket, hanno trovato dimora alcuni Nomadi. Una situazione complessa perchè l’area in questione risulta essere privata e ricade interamente all’interno del Municipio IX, nonostante i disagi vengano percepiti interamente dai cittadini della Montagnola. Allo stesso tempo sembra acuirsi la problematica dei mercati improvvisati sui marciapiedi della Montagnola, dove viene venduta merce quasi sempre reperita all’interno dei cassonetti stradali. A parlare della vicenda è il Capogruppo di Ncd al Municipio VIII, Andrea Baccarelli: “Queste due criticità che sono fortemente connesse tra di loro. Ci risulta che chi organizza questi mercati abusivi risieda all’interno di quest’area occupata alle spalle del supermercato, ma non solo. Ultimamente – sottolinea il Capogruppo – l’occupazione sembrerebbe interessare anche l’altro lato dell’incrocio, vicino ad un benzinaio. Con la presenza notturna dei fuochi per bruciare il materiale coibentante attorno al rame, che verrà poi rivenduto. Questi problemi non sono solo connessi all’inquinamento ambientale, ma anche alla sicurezza dei nostri cittadini, vista la vicinanza con le cisterne del benzinaio”.

 

IL COINVOLGIMENTO DEL MINISTERO – il Capogruppo Baccarelli ha voluto precisare il suo interessamento nella vicenda e la volontà di alzare il tiro, andando a coinvolgere direttamente il Ministero degli Interni: “Ho incontrato personalmente alcuni cittadini del Comitato spontaneo che si è organizzato sulla vicenda. Ho raccolto tutta la documentazione in loro possesso e l’ho fatta pervenire al Gabinetto del Ministro Alfano, per chiedere un sollecito nei confronti delle autorità competenti, proprio in virtù dell’emergenza che vivono i residenti”. Secondo il Consigliere Baccarelli non ci sarebbe dubbio, l’Amministrazione Comunale deve intervenire immediatamente per mettere fine all’occupazione dell’area: “Ritengo assurdo che chiunque possa occupare uno stabile o un terreno e rimanere impunito per mesi. Credo che il problema del decoro pubblico e della sicurezza superi qualsiasi problema relativo alle aree private. Si dovrebbe intervenire anche in danno, nei confronti dei proprietari che non sono in grado di limitare l’accesso. L’Amministrazione Comunale – sottolinea – deve difendere l’interesse pubblico, la sicurezza e il decoro, intervenendo con lo sgombero”.

UNA LEGGE REGIONALE PER CONTRASTARE IL FENOMENO – L’intervento spot, secondo Baccarelli, seppur metta fine all’emergenza non risolve il problema: “Su tanti difetti che si possono rilevare nell’Amministrazione precedente – spiega Baccarelli riferendosi all’ex Giunta Alemanno – sulla questione Rom e sugli sgomberi il timone veniva tenuto più dritto. Si procedeva velocemente senza arrivare a situazioni di questo genere”. Per migliorare gli strumenti in mano all’Amministazione e alle Forze dell’Ordine “con Pietro di Paolo, Capogruppo Ncd alla Regione Lazio, stiamo pensando di proporre una Legge Regionale per andare ad affrontare la tematica – aggiunge Baccarelli – ribadendo come occupare abusivamente aree private sia un reato, e occupare aree pubbliche sia l’aggravante, perchè non solo si crea un disagio alla cittadinanza, ma si sfrutta un bene comune. Stiamo cercando di mettere questo principio nero su bianco, per dare una risposta alle richieste dei cittadini, dando anche uno strumento in più alle Forze dell’Ordine. Come se fosse un rafforzamento della legge che prevede il divieto di campeggio libero – spiega Baccarelli – se io prendo una tenda e la pianto in Parco Shuster, dopo trenta minuti la Municipale mi caccerebbe e mi farebbe una multa. Mi chiedo – conclude – se questi signori in sei mesi siano stati multati o identificati”.

Leonardo Mancini