Home Municipi Municipio VIII

ZTL Ostiense: il Municipio vittima del ‘gioco delle tre carte’

SHARE
movida-alcolici2

In vista della riapertura dei locali dell’Ostiense torna l’incubo movida

LA ZTL ALL’OSTIENSE – Nelle prossime settimane i locali dell’Ostiense riapriranno i battenti e le serate del quartiere torneranno ad essere tra le più ‘animate’ della Capitale. Ogni anno in questo periodo si torna a parlare della necessità per il quadrante di essere inserito tra le zone sottoposte a ZTL notturna, come per Testaccio e San Lorenzo. Ma questa volta dal Municipio VIII si è voluto alzare il tiro, arrivando a parlare di ‘gioco delle tre carte’ tra gli interlocutori istituzionali. 

IL GIOCO DELLE TRE CARTE – A tuonare contro il Comando della Polizia Locale e contro l’Assessorato alla Mobilità è il Presidente del Municipio VIII, Andrea Catarci, sostenendo che questi organi “sfuggono dalle proprie responsabilità scaricandole sempre su qualcun altro”. Alle richieste del Municipio sull’istallazione dei varchi o sulla presenza di un presidio di sicurezza in alcuni punti nevralgici della zona, il Comandante della Polizia Locale Clemente avrebbe risposto che “non si possono stanziare le necessarie risorse per coprire gli straordinari, ritenendo utile realizzare accessi videosorvegliati”. Fin qui tutto bene, se non fosse per la risposta arrivata dall’Assessorato competente che spiega come “l’installazione di tali accessi è troppo onerosa e sostiene l’opportunità di procedere col presidio fisico dei vigili”.

VANIFICATA LA SPERIMENTAZIONE – Il Presidente Catarci, ponendo sul tavolo i risultati ottenuti in passato con la sperimentazione della ZTL in via del Commercio, rileva quanto sia critica la situazione: “Già la scorsa stagione le due ZTL sono state azzerate quasi del tutto (si è attuata la chiusura solo il venerdì a Via Libetta e per un breve periodo) ed anche quest’anno – prosegue il minisindaco – alla vigilia dell’apertura dei locali, si preannuncia la stessa disattenzione, rendendo vuote le parole con cui diversi Assessori Comunali hanno a più riprese garantito ai cittadini di Ostiense un maggior impegno per la vivibilità dell’ex cuore industriale di Roma”.

IN ATTESA DI GABRIELLI – L’appello di Catarci è al Sindaco, al Neo Assessore Esposito, all’Assessora Leonori e al Comandante Clemente “affinché si concluda la commedia degli equivoci disponendo il necessario servizio prima della riapertura dei locali”. Nonostante questo non possiamo che ricordare il coinvolgimento del Prefetto Gabrielli sulle criticità dell’Ostiense. Infatti il 10 giugno scorso, durante il suo primo incontro con la cittadinanza del Municipio VIII, Franco Gabrielli si era espresso sulla movida nel quartiere Ostiense, per la quale ha però proposto di intensificare i controlli soprattutto dal punto di vista delle normative in termini di lavoro. L’appuntamento lanciato dal Prefetto dovrebbe scadere nei prossimi giorni, quando un nuovo incontro con i cittadini darà conto di quanto fatto in questi tre mesi, probabilmente anche sul tema Movida.

LeMa

(Foto di repertorio)

SHARE