Home Notizie Cronaca Roma

Termini: partono i lavori per il parcheggio sospeso

SHARE
Termini piastra termini 03 case-history

Salvaciclisti: “Attrarrà nuovo traffico, almeno si preveda stallo gratuito per le biciclette”

IL PARCHEGGIO DI TERMINI – Sono iniziati in queste settimane i lavori della ‘piastra’, l’enorme parcheggio da 1330 posti che sorgerà al di sopra dei binari della Stazione Termini. L’intervento, portato avanti dalla Salc del Gruppo Salini, costerà 60 milioni di euro e dovrà essere completato nel 2019. I lavori di realizzazione di questo parcheggio, già soprannominato ‘astronave’, non dovrebbero causare inconvenienti o disagi ai tanti turisti e pendolari che ogni giorno affollano la stazione. 

LA PETIZIONE DI SALVACICLISTI – Ma con l’inizio dei lavori tornano a farsi sentire le voci contrarie all’intervento. Tra queste spicca l’Associazione Salvaciclisti Roma, che pone sul piatto i tanti problemi di mobilità e di traffico cui è soggetta l’area. Il parcheggio infatti, secondo i ciclisti romani, può essere inteso come un attrattore di nuovo traffico, un incoraggiamento ad utilizzare il mezzo privato piuttosto che il trasporto pubblico. L’Associazione per dare maggiore visibilità a questa protesta ha lanciato una petizione online sulla piattaforma change.org per “chiedere a Grandi Stazioni, FS e Graziano Delrio che la costruzione del nuovo parcheggio sopra Roma Termini, da noi sempre osteggiata perché assurda e dannosa per la sua capacità di attrarre ulteriore traffico, veda almeno un risarcimento alla cittadinanza con la previsione di un parcheggio gratuito per le bici”. Una richiesta alla quale non si può non affiancarsi, soprattutto tenendo in considerazione il ritardo cronico sulla mobilità alternativa di cui soffre la Capitale: “Al momento la stazione centrale di Roma è una delle poche che in Europa non preveda alcuno stallo per biciclette, in totale controtendenza con la modernità – seguitano dall’Associazione – La petizione è firmata dal Presidente dell’associazione Salvaiciclisti-Roma, Sandro Calmanti, in accordo con le altre realtà italiane riunite nel coordinamento nazionale Salvaiciclisti”.

IL PIANO DEL CAMPIDOGLIO SULL’AREA – Intanto proprio nella giornata di ieri gli uffici del Campidoglio hanno ospitato una riunione tra il Commissario Tronca e i vertici di Ferrovie dello Stato, Grandi Stazioni, vigili urbani, Atac, Ama e Acea, per la realizzazione del piano per la riqualificazione di Termini. “In una prima fase sono stati individuati micro interventi che, messi a sistema, renderanno l’area più sicura e fruibile in tutto l’arco delle 24 ore – spiegano dal Campidoglio – Grandi Stazioni e Fs hanno presentato un progetto di restyling del perimetro di Via Giolitti e Via Marsala; Acea ha illustrato un piano di ampliamento e potenziamento del sistema di illuminazione; Atac si è detta disponibile a interventi di recupero delle scale di accesso alle stazioni metropolitane e dei mezzanini presenti in Piazza dei Cinquecento con la fattiva collaborazione di Ama, già impegnata a garantire un presidio fisso di squadre e operatori per la raccolta dei rifiuti”. Novità anche per l’Help desk del Dipartimento politiche sociali capitolino, collocato presso il binario 1 della Stazione Termini, che diventerà punto di coordinamento sia per censire la presenza di senza fissa dimora e minori, sia per coordinare tutte le attività di volontariato che agiscono nell’area

Leonardo Mancini