Home Cultura Libri

Americana

Una geografia privata per ricomporre la narrativa americana contemporanea

Tutte le strade portano indietro, così comincia il saggio introduttivo, l’annuncio di un orizzonte di conoscenza che è subito riscoperta, scalata, conquista. Quaranta schede (recensioni) per quaranta posizioni; una geografia privata per ricomporre la narrativa americana contemporanea (quella tradotta in italiano) e misurarne le dimensioni.
Direttore editoriale, editor, critico letterario, traduttore, Luca Briasco dispone miti e modelli di un tempo vicino: non pone confini, non mette in forma un universo diviso di sentieri interrotti, ma procede speditamente disegnando uno spazio aperto – tra i grandi scrittori e i loro libri – dove restituire differenze e identità. Un critico può fare da tramite, ma i confini del suo regno sono spesso descritti dall’epoca, dal gusto, dalle idee; la sua credibilità è direttamente proporzionale alla libertà che mette nel pensiero. Così il buon critico è chi non ha paura delle parole, chi può scegliere di portare un autore in cielo o lasciarlo cadere giù, chi si mostra concentrato, preparato, disubbidiente, divertito, imprevedibile nel proporre valutazioni e interpretazioni della realtà. Con “Americana”, l’autore non si nasconde e viaggia con noi, invitandoci a tornare alle storie: leggere e pensare sono avventura, perdere paesi e trovare una casa preferita.

Luca Briasco
Minimum fax 2016
Pagine 311
Euro 18

Ads

Ilaria Campodonico

Previous articleRipartiti i lavori di adeguamento di via Laurentina
Next article“Figli come noi”, il coraggio di prendere posizione