Home Municipi Municipio XII

Forlanini: formalizzata candidatura ad Agenzia Europea per la Ricerca Biomedica

Una delibera regionale mette nero su bianco le idee per il futuro dell’ex nosocomio

Forlanini 154 - Febbraio 2018

MONTEVERDE – La Giunta della Regione Lazio ha approvato un atto di indirizzo per la riqualificazione del Forlanini. L’ex nosocomio di via Ramazzini è stato ufficialmente candidato a diventare la sede dell’Agenzia europea della ricerca biomedica, la cui costituzione è stata annunciata dalla presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen lo scorso anno. All’interno dell’ex ospedale verranno realizzate anche una Rsa (Residenza sanitaria assistenziale) e una Casa della Salute. Proseguono intanto i lavori per la realizzazione all’interno del padiglione 17 della nuova sede della Caserma dei Carabinieri.

Ads

LA CANDIDATURA

La delibera dà avvio – si legge nel comunicato stampa diffuso oggi dalla Regione – alla redazione di un apposito studio di fattibilità a supporto della presentazione della candidatura. La Regione, con questo atto, ha dato seguito alle richieste del territorio che a gran voce in questi anni ha chiesto che l’ex ospedale mantenesse la sua vocazione socio-sanitaria, preservando la sua funzione pubblica. A parlarne è stato l’Assessore alla Programmazione Economica regionale, Alessandra Sartore: “L’emergenza epidemiologica ha aperto nuove interlocuzioni con i soggetti pubblici coinvolti nella valorizzazione dell’ex ospedale Forlanini e si è convenuto sull’opportunità di indirizzare i progetti verso quella che è la vocazione iniziale socio-sanitaria del bene”. L’Assessore ha continuato illustrando il percorso che ha portato a questa decisione: “In questi mesi, abbiamo avviato l’iter in Conferenza delle Regioni e di concerto con il Governo, per includere la candidatura dell’ex Forlanini all’interno del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza, per la creazione in Italia della sede dell’Agenzia europea della ricerca biomedica. Una scelta coerente sia con la volontà, più volte ribadita in questi anni, della destinazione pubblica e della riqualificazione complessiva con il concorso di fonti di finanziamento esterne, sia con la vocazione storica del compendio, pensato ad inizio del ‘900 come centro d’avanguardia per la ricerca e la cura delle malattie polmonari. È un’opportunità che la Regione ha voluto cogliere e che non impedisce di portare a termine i lavori per la realizzazione della Caserma dei Carabinieri di Monteverde che si concluderanno nei prossimi mesi e interessano il padiglione 17”.

RSA E CASA DELLA SALUTE

Quella presa, secondo l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, “è una decisione importante per il rilancio del ruolo della sanità pubblica del Paese”. La strada imboccata consentirà all’Italia e in particolare a Roma di “diventare la capitale europea del biomedicale e di conseguire l’obiettivo strategico di valorizzare il patrimonio pubblico”. D’Amato ha poi parlato della volontà della Regione di portare all’interno di due degli edifici satelliti del Forlanini, due importanti presidi sanitari: “In più parallelamente al progetto dell’Agenzia Europea della Ricerca Biomedica, realizziamo due ulteriori strutture da destinare a RSA e a Casa della Salute in due edifici decentrati arricchendo l’offerta del servizio sanitario regionale”.

Anna Paola Tortora

Previous articleVaccini over 80: un anziano su tre ha già la doppia prenotazione
Next articleMarciapiedi Piazza Scotti: un problema per carrelli e carrozzine?