Home Municipi Municipio IX

Differenziata: il Municipio IX denuncia l’AMA per i disservizi ‘ad orologeria’

SHARE
rifiuti municipio ix via baino cdq cinque colline

Ma intanto spunta il documento sul trasferimento di 20 operatori ad altro territorio

I DISSERVIZI IN PERIFERIA – Proseguono quotidianamente le segnalazioni di disservizi sulla raccolta dei rifiuti in Municipio IX. Il ritiro, soprattutto nelle aree periferiche, nelle ultime settimane avviene in maniera discontinua e in alcuni quartieri viene totalmente dimenticato. Già nei giorni scorsi dai vertici municipali si era parlato di ‘disservizio programmato e ad orolgeria’, probabilmente in vista delle prossime elezioni amministrative. Era stato il presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, ad affermare: “Ogni volta che c’è qualche occasione importante e l’attenzione sulla città da parte dei cittadini cresce (come ad esempio una campagna elettorale) alcuni servizi di Ama improvvisamente smettono di funzionare e la città va nel caos”. 

IL DOCUMENTO AMA SUL TRASFERIMENTO – Dalla sensazione di essere stati ‘presi in giro’ si è però passati velocemente alla certezza di un coinvolgimento diretto di AMA. Nella tarda serata di ieri il vice presidente e Assessore all’Ambiente municipale, Alessio Stazi, ha pubblicato un documento, recapitato in forma anonima, che mostra l’effettivo trasferimento di 20 operatori in un altro Municipio: “È questo il motivo del disservizio? – si chiede Stazi – chiederò immediatamente ad AMA se è vero, come mostra il documento ricevuto, che dal nostro territorio nei primi giorni di Aprile – proprio quando sono iniziati i disservizi più gravi – sono stati trasferiti circa 20 operatori in un altro Municipio”.

NESSUNA CONDIVISIONE CON IL MUNICIPIO – Una vicenda che potrebbe far trapelare uno scenario gravissimo: “Qualora scoprissimo che l’origine dei disservizi risale proprio a questa scelta credo che dovremmo constare l’inevitabile necessità di operare una rivoluzione sulla direzione ama che segue il nostro Municipio – dichiara Stazi – come si può pensare di gestire così un servizio su un territorio di circa 200 mila residenti, lasciando le istituzioni territoriali all’oscuro di scelte fondamentali, costringendole a rincorrere i sacchetti del porta a porta per il Municipio mentre qualcuno decide arbitrariamente sopra le teste di quasi 200 mila residenti”. In chiusura Stazi non manca di ricordare quanto sia importante, nel delineare le meccaniche e le responsabilità del decentramento amministrativo, inserire la gestione dei rifiuti nelle competenze dei municipi: “Questi episodi – aggiunge Stazi, che è candidato in comune con la lista civica di Roberto Giachetti – evidenziano come sia urgente porre tra le priorità della prossima amministrazione un atto che consegni immediatamente ai Presidenti dei Municipi poteri reali e diretti di indirizzo e controllo sulle strutture territoriali AMA”.

IL MUNICIPIO DENUNCIA L’AMA – Intanto il Presidente Santoro, sempre nella giornata di ieri ha diffuso un video dei suoi sopralluoghi in molti quartieri della fascia periferica del Municipio, nel quale riscontra di persona i disagi lamentati dai cittadini: “Ancora una volta ho voluto guardare i disservizi di AMA sul territorio, ogni giorno mi arrivano segnalazioni da parte dei cittadini. Questo è un municipio che ha dato molto – spiega il minisindaco uscente – Ma in queste ultime settimane qualcosa sta cambiando e forse qualcuno sta organizzando questo disservizio”. Dal Presidente arriva poi l’annuncio dell’avvio di una causa civile che coinvolgerà l’AMA “per danni all’immagine a questa amministrazione. AMA sta facendo un grande lavoro interno di riorganizzazione ma c’è anche chi sta facendo il furbo. Chiederò ad AMA di ridurre la tariffa per i cittadini di questo municipio che stanno subendo i disservizi, oppure di mettere in campo servizi aggiuntivi. È certo che i cittadini di questo municipio meritano di più”.

Leonardo Mancini

(Foto Facebook CdQ Cinque Colline)