Home Notizie Cronaca Roma

Il Ministro Orlando richiama le istituzioni alla collaborazione

SHARE
tris

Sulla discarica alla Falcognana il Ministero non vuole decidere da solo, mentre il Sindaco prende tempo

 

PRESENTATA LA RELAZIONE – Il commissario Sottile ha presentato la sua relazione al Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando. Tra i vari siti indicati in testa sembra esserci proprio la discarica di Fluf in via Ardeatina. Il tempo stringe e la cittadinanza non intende lasciare impunita una decisione caduta dall’altro senza alcuna consultazione. È infatti la mancanza di contatti con i residenti e con le Istituzioni di prossimità a far parlare di ‘mancanza di rispetto’ il Presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, tanto da arrivare alla diffida nei confronti della decisione del Prefetto Sottile.

DALLA REGIONE – dopo il contestato consiglio del 30 luglio, si attendono ulteriori sviluppi della vicenda, con il Governatore Zingaretti che, dal suo blog, parla di ipocriti ‘no’ all’indicazione: “Il tempo degli ipocriti ‘no’ è finito. Chiuderemo Malagrotta e risolveremo i problemi, garantendo la salute dei cittadini e una moderna gestione dei rifiuti”. Ci sono state delle contestazioni alla frase di Zingaretti, come facilmente riscontrabile attraverso i commenti al suo post che richiamano all’ipocrisia di un divieto di transito per i Tir mai rispettato, oppure alle promesse fatte ai cittadini in campagna elettorale. Non sono mancate nemmeno le critiche dall’opposizione in consiglio regionale, con il capogruppo PdL, Luca Gramazio, che parla di frattura all’interno del PD sul tema rifiuti: “Ieri durante la votazione delle mozioni sulla questione discarica abbiamo notato l’assenza dall’aula di una folta pattuglia di esponenti romani del PD, tra cui spiccava quella dell’attuale “reggente” cittadino Patanè. Una semplice casualità? O una pesante spaccatura interna al partito democratico su un tema delicato come i rifiuti? – si chiede retoricamente Gramazio – Tanto pesante da impedirgli di votare non solo i documenti delle opposizioni ma anche quello presentato dal proprio capogruppo Vincenzi? La malcelata opposizione della “colonna romana” del PD al Presidente della Regione Zingaretti appare parallela al silenzio di un partito in grande difficoltà su questo tema. Oppure ci sbagliamo, è solo nostalgia… Di Malagrotta”.

IN CAMPIDOGLIO – il Sindaco Marino prende tempo, richiamando la possibilità di indire un nuovo tavolo tecnico per valutare alcuni aspetti della scelta di Sottile: ““Sulla scelta del sito per la nuova discarica, intendo studiare con serietà e attenzione la relazione conclusiva del Commissario per l’Emergenza Rifiuti, Goffredo Sottile, appena arrivata sulla mia scrivania, sulla quale Regione, Provincia e Comune sono chiamate a esprimere il proprio parere – seguita il Sindaco – Come è mia abitudine, intendo analizzare i dati, per capire quali siano state le considerazioni alla base delle scelte fatte. Non escludo l’intenzione di chiedere, allo stesso Commissario Sottile, una ulteriore convocazione del Tavolo tecnico, affinché ci illustri il percorso e le relazioni tecniche che hanno determinato la scelta di un sito piuttosto di un altro”. Tutto questo in tempi non proprio celeri, visto che è lo stesso Marino ad affermare che il percorso non si potrà concludere in poche ore: “È infatti del tutto evidente che su una questione così rilevante mi esprimerò tenendo conto di ogni variabile, sia tecnica che relativa all’impatto che il sito potrà determinare sulla salute, nell’area in cui insisterà la nuova discarica di rifiuti solidi urbani”. Intanto sono state depositate delle mozioni per il consiglio comunale di oggi da parte della Lista per Alfio Marchini Sindaco e del Movimento 5 Stelle, sempre in relazione all’indicazione del sito al Km 14 della via Ardeatina. Ma anche dai banchi dell’opposizione del consiglio del Municipio IX non cessano le richieste di chiarezza nei confronti delle istituzioni: “Nessuna tregua alle amministrazioni che non ascoltano i cittadini – dichiara il vice presidente del consiglio del Municipio IX, Massimiliano De Juliis – Ci presenteremo in Campidoglio durante il consiglio che riguarderà proprio la discarica di Falcognana. Vogliamo guardare negli occhi, insieme ai nostri cittadini, chi è con noi e chi è contro le decisioni assunte all’unanimità dal nostro consiglio Municipale”.

DAL MINISTERO – Il Ministro Andrea Orlando sembra non voler partecipare a questo gioco delle parti, richiamando le altre istituzioni coinvolte alla collaborazione: “Ho scritto oggi al sindaco Marino, al presidente Zingaretti e al commissario straordinario Postiglione per assumere le loro valutazioni sulla relazione istruttoria elaborata dal commissario Sottile in raccordo con il tavolo tecnico in cui sono stati rappresentati tutti gli enti territoriali competenti. Al di là del parere formale che la legge prevede, ritengo infatti che si debba proseguire nello spirito di collaborazione inter-istituzionale che ha ispirato fin qui il percorso – conclude il Ministro, richiamando la possibilità che Comune, Regione e Provincia non si esprimano in merito alla valutazione di Sottile – Ove questa considerazione dovesse venire meno non intendo in alcun modo agire contro la volontà degli enti competenti ai quali tornerebbe quindi ogni ulteriore valutazione”.

CONTINUA LA MOBILITAZIONE – Intanto i cittadini si preparano a dei giorni che si preannunciano roventi e oggi saranno presenti alle 15.00 in Campidoglio, per assistere al consiglio in aula Giulio Cesare: “Tutti pronti ad azioni eclatanti – scrivono dal comitato di Quartiere Falcognana, dall’associazione cuore tricolore e dal coordinamento No discariche e NO inceneritori – Ieri siamo stati in via Ardeatina per protestare contro la realizzazione della tristemente nota discarica di Roma e saremo tutti insieme senza distinzione di colore politico e pronti anche ad azioni eclatanti pur di far sentire la nostra voce. Oggi si terrà una sessione tematica del consiglio comunale e auspichiamo che tutti i gruppi politici ci vorranno sostenere. Questo è il primo passo che stiamo compiendo per mettere in evidenza il fatto di esser stati completamente scavalcati ed ignorati dalle istituzioni. Noi chiediamo che Sindaco e Assemblea Capitolina, come ha fatto il Municipio all’unanimità, dicano ‘no’ alla discaricasull’Ardeatina. Per questo motivo – concludono – non daremo tregua e non ci fermeremo”. Prevista anche una grande manifestazione per venerdì 2 luglio con un sit-in davanti al sito della Falcognana.

Leonardo Mancini